Papa Francesco arriva al Gaslini per incontrare i piccoli pazienti

Dopo le tappe all'Ilva, a San Lorenzo e al Santuario della Guardia, il Pontefice si è diretto verso l'ospedale pediatrico per visitare i piccoli pazienti ricoverati e le loro famiglie

Tanta emozione e molte aspettative all’istituto Giannina Gaslini per la visita di Papa Francesco: il Pontefice è arrivato all'ospedale intorno alle 16, dopo il pranzo al Santuario della Madonna della Guardia e la messa in cattedrale a San Lorenzo.

Tantissime le persone che lo attendevano con striscioni, bandierine e messaggi di benvenuto, e che nel vederlo arrivare a bordo della Papamobile si sono lasciati andare a lunghi applausi e ovazioni. Sin dalle prime ore della mattina il personale dell’ospedale pediatrico ha portato avanti i preparativi per l’arrivo di Francesco, che poco dopo l'arrivo è subito entrato in ospedale per fare il giro dei reparti e incontrare i piccoli pazienti ricoverati e i loro genitori.

L'arrivo di Papa Francesco tra i piccoli pazienti del Gaslini | Video

Nel cortile interno è stato inoltre allestito uno spazio all’aperto dove Bergoglio ha preso posto per incontrari i fedeli presenti. Tanti i genitori e i bambini che hanno chiamato il Papa per potergli stringere le mani e ricevere una carezza affettuosa, anche se non è mancato qualche imprevisto: un giovane che stava cercando di fotografarlo è stato spinto nella calca, ed è caduto per oltre 3 metri. Fortunatamente non ha riportato gravi ferite.

Prima dell'arrivo del Papa presso lo spazio all'aperto, don Roberto Fiscer - che nei giorni scorsi aveva ricevuto la telefonata del Pontefice proprio mentre si trovava al Gaslini - ha preparato una piccola coreografia per i bambini presenti.

Segui la diretta della visita di Papa Francesco a Genova

«Siamo nel santuario della sofferenza dei bambini ma anche della tenerezza da cui sono circondati grazie a tutto il personale - ha detto il cardinale Bagnasco - La sofferenza dei bimbi e delle loro famiglie riassume la sofferenza umana. Qui si trovano testimonianze eroiche di dedizione, amore e sacrificio da parte dei genitori».

«La sofferenza dei bambini è la più dura da accettare - ha detto Papa Francesco - non poteva mancare la mia visita. Tante volte mi chiedo perché soffrono i bambini, non trovo spiegazione, guardo il Crocifisso e mi fermo lì. Chi serve i malati con amore serve Gesù. Auspico che questo ospedale possa continuare la sua apprezzata opera di cura e di ricerca mediante il contributo generoso e disinteressato di tutte le categorie.».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una volta terminato l’incontro, per le 16,45, Papa Francesco è atteso in piazzale Kennedy per la messa conclusiva, tappa raggiunta con la Papamobile transitando su via dei Mille, via Caprera, corso Italia e corso Marconi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto contromano in corso Europa, al volante non c'è nessuno

  • Aster assume, indetti tre nuovi bandi: come partecipare

  • Si tuffa a Punta Chiappa e batte la testa sugli scogli

  • Giovani turisti lombardi devastano Moneglia

  • Bar in bancarotta: imprenditore si finge dipendente e prende la disoccupazione

  • Cerca di strangolare la fidanzata e devasta un locale: arrestato

Torna su
GenovaToday è in caricamento