Punteruolo rosso, test con le palme "immuni" all'insetto killer

L’assessore Fanghella:«Abbiamo consultato esperti internazionali per risolvere il problema e stiamo facendo dei progetti pilota e, in caso il test fosse positivo, sostituiremo tutte le 94 palme malate»

Comune di Genova al lavoro per un piano sulle alberature stradali, a partire dalla sostituzione delle palme malate con una tipologia di palma immune al famigerato "punteruolo rosso", un insetto capace di divorare un albero dall'interno fino a renderloun guscio vuoto capace di infettare anche le piante vicine. Le  palme "immuni" all'insetto sono quelle denominate "dactylifera", presenti in corso Italia, dal tronco leggermente più sottile .

Il tema è stato affrontato in Consiglio Comunale martedì 7 maggio 2019 grazie all'interpellanza di Francesco De Benedictis (Direzione Italia), volta a sollecitare un  piano  di  ripristino  delle  alberature  stradali  di Genova, eliminando le piante più vecchie, che potrebbero cadere con grave pericolo per i cittadini, e sostituendole con nuove e più adatte alla città.

L’assessore Paolo Fanghella ha risposto:«Abbiamo consultato esperti internazionali per risolvere il problema del punteruolo rosso e stiamo facendo dei progetti pilota, in diverse zone della città, piantando delle palme ma di una essenza che è risultata inattaccabile dal coleottero. Abbiamo chiesto la consulenza di persone esperte a livello internazionale, che ci hanno suggerito questo modo di procedere e, in caso il test fosse positivo, sostituiremo tutte le 94 palme malate. In altre parti della città si sta provvedendo a un piano di monitoraggio delle piante, in modo da intervenire prontamente su quelle malate e procedere alla nuova piantumazione».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sorbillo apre a Genova: «Pizza gratis per tutti»

  • Scopre la morte della madre e si uccide gettandosi dal Monoblocco

  • Ucciso il cinghiale "educato" che attraversava sulle strisce guidato dal vigile

  • Dal cibo all'allontanamento forzato: ecco perché non si possono aiutare le orche in porto

  • Orche in porto, interviene il Ministero: «Probabilmente sono malate»

  • Alimenti scaduti nel frigo del supermercato, multa da diecimila euro

Torna su
GenovaToday è in caricamento