Ritrovati in Archivio documenti sui tesori della famiglia Spinola

La Provincia presenta un volume che raccoglie documenti e inventari della potente Famiglia Spinola ritrovati nel vasto Archivio di Stato di Genova e risalenti al 1727

Una delle più preziose raccolte d’'arte mai esistite a Genova. La possedeva la potentissima famiglia Spinola e la svela l'’inventario dei loro beni, antico di tre secoli, compilato nel 1727 dopo la morte, nel madrileno palazzo reale di Aranjez, di Francesco Maria Spinola, terzo duca di San Pietro in Galatina e Grande di Spagna.

Questi documenti, ritrovati negli straordinari e vastissimi‘ giacimenti’ dell’'Archivio di Stato di Genova e finora inediti, sono il ‘cuore pulsante’ del volume “Palazzo Doria Spinola , architettura e arredi di una dimora aristocratica genovese” promosso dalla Provincia di Genova.

A presentarlo - giovedì 15 dicembre alle 11.30 con una conferenza stampa nella sala degli Arazzi (Palazzo Doria Spinola, largo Eros Lanfranco 1) - saranno il presidente Alessandro Repetto e l'’assessora alla cultura Anna Dagnino, il vicedirettore del Museo del Prado a Madrid, Gabriele Finaldi e Roberto Santamaria curatore del volume edito da Le Mani.

Potrebbe interessarti

  • La curiosa storia della scalinata "delle Caravelle"

  • Cos'hanno in comune il Matitone e il grattacielo più alto del mondo?

  • Cannelli di zolfo: un antico rimedio naturale "made in Liguria" contro il torcicollo

  • I genovesi sono davvero tirchi? Tre barzellette per scherzare su questa "leggenda metropolitana"

I più letti della settimana

  • Sequestrati i Bagni Liggia: il titolare promette battaglia

  • Sabato l'addio al giovane 'fighter' morto in A7

  • La curiosa storia della scalinata "delle Caravelle"

  • Bastonate al cane, smettono per le urla dei residenti

  • Pomeriggio a base di ketamina per due ventenni

  • Cos'hanno in comune il Matitone e il grattacielo più alto del mondo?

Torna su
GenovaToday è in caricamento