Scoperta officina abusiva, attrezzi confiscati devoluti in beneficenza

Le attrezzature utilizzate per l’attività illecita verranno devolute al “Villaggio del Ragazzo – Opera Diocesana Madonna dei bambini”, per finalità didattiche

I militari della Guardia di finanza del Comando provinciale di Genova, al termine di un'indagine, hanno scoperto un'officina professionale di riparazioni meccaniche ed elettrauto del tutto abusiva durante le operazioni di controllo del territorio finalizzato al contrasto dei fenomeni di evasione fiscale e concorrenza sleale.

Attrezzature confiscate devolute in beneficenza

Le attrezzature utilizzate per l’attività illecita, sottoposte a confisca, verranno devolute, mercoledì 13 dicembre, - al “Villaggio del Ragazzo – Opera Diocesana Madonna dei bambini”, per finalità didattiche.

Tutti i dettagli dell'operazione

I finanzieri della Brigata di Rapallo hanno scoperto il titolare di un’officina sita nel comune di Santa Margherita Ligure volto a svolgere attività imprenditoriale senza le previste autorizzazioni e rendendosi responsabile anche di gravi violazioni in materia ambientale. E’ stato infatti accertato che rifiuti considerati pericolosi, quali batterie al piombo esauste, olii e liquidi vari esausti, non sono stati smaltiti nel tempo attraverso i canali ufficiali autorizzati, ma con l’abbandono e lo sversamento indiscriminato nel suolo e nel sottosuolo. Il titolare dell’officina è stato inoltre sottoposto a verifica fiscale, che ha portato a rilevare l’evasione di un reddito di circa 50mila euro e di Iva per oltre 10mila euro, oltre che accertare violazioni per l’omissione delle dichiarazioni dei redditi e dell’Iva per gli anni dal 2013 al 2016 e dell’omissione della tenuta dei registri contabili obbligatori. Stante la natura abusiva dell’attività, sono state contestate anche sanzioni amministrative per circa 34mila euro e si è proceduto al sequestro amministrativo di tutte le attrezzature e dei materiali presenti nell’officina e utilizzati per lo svolgimento dell’attività professionale. La Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Genova - con apposita ordinanza – ne ha disposto quindi la confisca – confermata dal Tribunale di Genova a seguito di ricorso – e sancito la devoluzione a favore di un Istituto da individuarsi ad opera della Guardia di Finanza – Brigata di Rapallo. Dopo un’attenta ricerca sul territorio del Tigullio si è giunti ad individuare l’Istituto “Villaggio del Ragazzo – Opera Diocesana Madonna dei bambini”, al quale oggi, mercoledì 13 dicembre, viene devoluto quanto confiscato. Il materiale è infatti ritenuto di grande utilità alle classi scolastiche dei corsi triennali di Istruzione e Formazione Professionale, che consentono ai giovani di ottenere una qualifica nelle aree meccanica, elettrica, legno e benessere.

Potrebbe interessarti

  • Cos'hanno in comune il Matitone e il grattacielo più alto del mondo?

  • Cannelli di zolfo: un antico rimedio naturale "made in Liguria" contro il torcicollo

  • I genovesi sono davvero tirchi? Tre barzellette per scherzare su questa "leggenda metropolitana"

  • Dialetto curioso: cos'è la "ca do diao"? E la "ca da pèsta"?

I più letti della settimana

  • Tragedia a Sampierdarena, 19enne muore cadendo nella tromba delle scale

  • Cade dalla finestra e precipita su nonna e nipote: tragedia a Castelletto

  • Schianto in A7: muore 19enne, gravissimi due amici

  • In Lungomare Canepa apre "Belin", il bar "autogrill" tutto genovese

  • Tragedia sul Monte Bianco: muore vigile del fuoco genovese, gravissimo collega

  • Spaccia in centro storico, Cassazione annulla arresto: «Vicoli hanno aiutato la polizia»

Torna su
GenovaToday è in caricamento