Nuovo ponte: ecco come verrà sollevata la maxi campata

L'impalcato da 94 metri e 1.800 tonnellate di peso sarà portato in quota dagli strand jack, che lo faranno salire a una velocità media di 5 metri l'ora sino ad arrivare a 40 metri

Finita la prova di carico, nel cantiere per la costruzione del nuovo viadotto sul Polcevera gli occhi sono puntati sulla maxi campata che nelle prossime ore verrà sollevata e posizionata sulla sponda di ponente del torrente. Una manovra complessa, mai fatta prima, che porterà la lunghezza del ponte a 500 metri, circa metà di quella totale.

La trave, lunga 94 metri, pesa 1800 tonnellate, e verrà sistemata tra la pila 8 e la pila 9 a 40 metri di altezza, già dotata di 14 carter laterali, che verranno montati prima del varo in quota, diversamente da quanto accade per le campate da 50 metri. Un’operazione che il sindaco Marco Bucci aveva illustrato nel dettaglio, spiegando che il montaggio delle ali in quota è una delle operazioni più difficili e rischiose svolte dagli uomini di PerGenova, e che il sollevamento con i carter già montati a terra è la procedura più sicura da seguire.

La manovra si differenzia rispetto a quelle effettuate sino a oggi anche per la modalità con cui la campata verrà issata e posizionata: troppo pesante per le gru, verrano utilizzati gli strand jack, i pistoni idraulici che erano già stati usati per smontare meccanicamente il vecchio Morandi. La campata, nella notte, è stata portata sotto le pile con un sistema di carrelli telecomandati, gli  stessi normalmente  utilizzati per lo spostamento di altre campate, per una prova di carico proprio con gli strand jack, che dovranno tenerla sollevata per alcune ore a pochi metri da terra. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Superata la prova di carico, è possibile procedere con i  rilievi  topografici, necessari per  valutare  che  l’impalcato sia geometricamente perfetto e si incastri alla perfezione con i conci delle pile 8 e 9. Nemico più pericoloso dell’intera operazione, il vento: in caso di forti raffiche sarebbe troppo rischioso usare gli strand jack, e il varo verrebbe rimandato. In condizioni ottimali, invece, i pistoni idraulici possono far salire la trave a circa 5 metri all’ora, il che significa che per portarla in quota e sistemarla saranno necessarie circa 8 ore. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Passano la notte insieme in albergo, al mattino sul conto di lei mancano 750 euro

  • Tragico schianto in via Merano, muore scooterista

  • Malore fatale in strada, tragedia a Santa Margherita Ligure

  • Meteo: la perturbazione cambia traiettoria, modificati gli orari dell'allerta

  • Ritrovato dopo otto anni un giovane scomparso da Roma

  • A settembre su Sky la serie con Paola Cortellesi, ambientata a Genova

Torna su
GenovaToday è in caricamento