Incendio a Nervi, il fronte si allarga. Fiamme vicino alle case, famiglie evacuate

Paura nel levante genovese per il rogo divampato in mattinata, che nelle ultime ore ha continuato a crescere. A ostacolare lo spegnimento, il forte vento. Evacuate circa 10 famiglie

Photo credits: Annalisa Anne

Continua a bruciare la collina di Sant’Ilario, dove in mattinata è divampato un incendio che nel pomeriggio ha costretto alla chiusura dell’autostrada A12 tra i caselli di Recco e Genova Nervi per consentire le operazioni di spegnimento e bonifica del fronte. Il traffico nel corso della giornata è stato quindi deviato sull'Aurelia, dove si sono formate lunghe code sia per chi viaggia verso il capoluogo ligure sia per chi si dirige verso levante.

L'autostrada, nel tratto tra Nervi e Recco in direzione ovest, è stata riaperta alle 20,30. Rimane però ancora chiuso il tratto in direzione est per motivi di sicurezza, su richiesta dei Vigili del Fuoco. 

In serata la situazione non è migliorata e, anzi, circa 10 famiglie sono state costrette a lasciare la loro abitazione sopra via del Commercio

L’incendio è divampato all’altezza del km 14 dell’A12, poco dopo la galleria del monte Giugo, alle pendici del Fasce, e nelle ultime ore si è rapidamente esteso procedendo sia verso levante, sia verso il monte Moro e da lì verso Apparizione, a causa delle forti raffiche di vento che stanno spazzando il capoluogo ligure. 

«La situazione è molto grave», confermano i Vigili del fuoco, da ore sul posto insieme con decine di volontari della Protezione Civile per tentare di contenere il fronte, che nella sua avanzata si avvicina pericolosamente alle case

A complicare ulteriormente le operazioni di spegnimento c’è il fatto che, a causa del vento, né l’elicottero né il Canadair arrivato da Roma Ciampino siano potuti entrare in azione, e siano stati costretti ad allontanarsi dalla zona.

La Regione Liguria, intanto, ha dichiarato lo stato di grave pericolosità per tutta la Liguria su decisione dal settore Politiche della Montagna e della Fauna selvatica. Lo stato di grave pericolosità prevede il divieto di accendere qualsiasi tipo di fuoco, sia pirotecnici sia per la combustione di materiale vegetale, e anche il divieto di mettere in funzione apparecchi elettrici come motoseghe. La decisione è stata assunta a seguito delle condizioni di particolare secchezza del terreno e della vegetazione e per le condizioni climatiche che tendono a favorire l’insorgere di incendi boschivi.  

«Dai primi giorni di gennaio infatti sono già andati in fumo 50 ettari di bosco, di cui 20 ettari sul Monte Moro e Monte Fasce e dieci ettari ad Andora - fanno sapere da via Fieschi - La Regione Liguria comunicherà la cessazione dello stato di grave pericolosità non appena le condizioni meteo lo consentiranno, cioè con l’aumento dell’umidità della vegetazione».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Basilico in esubero per chiusura ristoranti, le aziende agricole organizzano la consegna a domicilio

  • Coronavirus: la curva rallenta, ma i contagiati sono oltre 2.000 e i morti 254

  • Coronavirus, i numeri tornano a crescere in Liguria: 2.226 i positivi, 26 nuovi decessi

  • Coronavirus: lieve calo dei nuovi casi dopo tre giornate nere, i morti sono 231

  • Coronavirus, la foto della speranza: intubata per 7 giorni, 27enne migliora e si risveglia

  • Genova, tutte le attività commerciali che sono aperte e che fanno consegna a domicilio

Torna su
GenovaToday è in caricamento