Sestri Ponente, tir fa retromarcia e distrugge un terrazzo

È successo in piazza Aprosio poco dopo le 8. Il mezzo stava facendo manovra e ha scontrato il poggiolo staccandolo in parte dal palazzo

Non si sa bene come, si è ritrovato nell'angusta piazza Aprosio, a Sestri Ponente, e nel tentativo di uscirne ha finito per scontrare il terrazzo di un palazzo staccandolo dall'edificio. 

È successo giovedì mattina, protagonista il conducente di un tir con targa ungherese che durante una manovra ha calcolato male le distanze: nel fare retromarcia ha colpito il balcone e l'ha in parte divelto, rendendolo inagibile.

Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco, che hanno avviato le operazioni per puntellare il terrazzo, che sorge proprio sopra il portone d''ingresso, e impedire che crolli sul marciapiede sottostante.

Non risultano fortunatamente feriti, e sul posto è intervenuta anche la Municipale, che ha temporaneamente vietato l'accesso alla piazza per consentire le operazioni di soccorso e messa in sicurezza.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Dalla foto si evince che era "Trans" ed era "2000", non mi stupirebbe neanche se avesse distrutto l'intero palazzo date le prerogative.

Notizie di oggi

  • Elezioni

    Elezioni europee e amministrative, si vota fino alle 23

  • Cronaca

    Scontri a Corvetto, sentito in procura il poliziotto che ha salvato il giornalista picchiato

  • Cronaca

    Malore durante l'immersione sulla Haven, sub in ospedale

  • Cronaca

    La cena non gli piace: aggredisce la madre disabile e minaccia di ustionarla

I più letti della settimana

  • Costa Crociere assume, 300 posti disponibili a bordo: come partecipare alle selezioni

  • Genoa: incubo retrocessione, tutti i calcoli per la salvezza

  • Auto travolge scooter fermo, quattro feriti

  • Ritrovata la ragazzina scomparsa giovedì a Pra'

  • Forte odore di marijuana nelle scale del palazzo, i carabinieri bussano alla porta

  • Incidente a Genova Est, cinque feriti

Torna su
GenovaToday è in caricamento