Caso multe, Sgarbi dà ragione a Bucci e lancia il referendum 'no velox'

Il sindaco di Genova Marco Bucci ha contestato il fatto che ci fossero un centinaio di veicoli in divieto di sosta, segno che lo spazzamento meccanico della strada non era stato segnalato a dovere

 Il caso multe a Genova con l'episodio dell'altro giorno a Carignano e la replica del sindaco Bucci ha suscitato anche l'interesse di Vittorio Sgarbi, che è intervenuto sulla questione con un post su Facebook. Per evitare fraintendimenti lo pubblichiamo integralmente. Va premesso che il sindaco di Genova Marco Bucci ha contestato il fatto che ci fossero un centinaio di veicoli in divieto di sosta, segno che lo spazzamento meccanico della strada non era stato segnalato a dovere.

Martedì 12 febbraio 2019 il sindaco ha dato la sua versione dei fatti in Consiglio comunale.

Il post di Sgarbi e il referendum “No autovelox”

Ha ragione il sindaco di Genova, Bucci: fare multe è, da anni, un’espressione di prepotenza per infrazioni assolutamente veniali. C’è qualcosa di vile nel prendere soldi a qualcuno per situazioni che non danneggiano nessuno, e non quando si riscontra un minacciato pericolo o una infrazione reale, ma è un modo con cui lo stato sfrutta e opprime il cittadino, un odioso ricatto che lo costringe a rispettare molto spesso leggi e limiti assurdi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sembra incredibile che governi che non riescono, in alcun modo, a essere utili ai cittadini, li opprimano con tasse indirette e irragionevoli. Se siamo in Europa perché in Germania non ci sono limiti di velocità sulle autostrade? E perché dobbiamo, in situazioni di nessun pericolo, essere puniti da autovelox, superati i quali si riprende la velocità ragionevolmente stimata più utile e meno pericolosa? Se non lo farà il governo, un governo rispettoso dei diritti dei cittadini, sarà necessario raccogliere le firme per un referendum contro gli autovelox e la ridicola patente a punti, colossale punizione per chi lavora, e truffa da parte di chi ti vende, e non per ravvedimento, punti da comprare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cade nel fiume e batte la testa, muore nel trasporto in ospedale

  • Le Frecce Tricolori martedì a Genova: quando e da dove vederle

  • Spesa da 150 euro all'Ipercoop, ma cerca di uscire pagandone solo 10

  • L'uomo più anziano della Liguria compie 108 anni

  • Incidente in Sopraelevata, grave scooterista: traffico bloccato

  • Coronavirus, solo 17 nuovi contagi nelle ultime ore

Torna su
GenovaToday è in caricamento