Uomo morto a Cornigliano: un malore e poi l'urto violento contro la cabina

Tolto ogni mistero sulla morte di Ivano Tarallo, l'uomo di 60 anni che ieri ha perso la vita davanti al bar Mam a Cornigliano. Smentita la possibilità dell'omicidio, si è trattato di un malore

Genova - Nessun mistero nella morte di Ivano Tarallo, il sessantenne che ieri, lunedì 23 luglio, ha perso la vita a Cornigliano.

Smentita la possibilità di un omicidio, l'uomo è morto a causa di un malore che lo ha colpito e per via del violentissimo urto contro la cabina telefonica di fronte al bar Mam, all'incrocio tra via Cornigliano e via Bertolotti.

Prima del malore la vittima era entrata nel bar per chiedere una sigaretta, richiesta che era solito fare tutte le mattine, poi è uscito ed è crollato sulla cabina telefonica. Immediati, ma inutili i soccorsi, l'uomo era già morto.

Chi lo conosceva lo ricorda come un bravo uomo, ma con qualche problema: tutti i giorni andava in giro a Cornigliano a chiedere "una sigaretta" e a chi si rifiutava spesso controbatteva, "allora mi accontento anche solo di cinquecento euro".

 

Potrebbe interessarti

  • La curiosa storia della scalinata "delle Caravelle"

  • Fabrizio De André: «Da dove viene la nostalgia che tutti noi abbiamo di Genova?»

  • Mangiare sul mare: secondo Forbes in Liguria due ristoranti tra i più belli d'Italia

  • Cos'hanno in comune il Matitone e il grattacielo più alto del mondo?

I più letti della settimana

  • Lanciano monetine al concerto di Salmo, il rapper: «Ci stiamo divertendo, chi è che ha pagato il biglietto per disturbare?»

  • Sequestrati i Bagni Liggia: il titolare promette battaglia

  • Sabato l'addio al giovane 'fighter' morto in A7

  • La curiosa storia della scalinata "delle Caravelle"

  • Fabrizio De André: «Da dove viene la nostalgia che tutti noi abbiamo di Genova?»

  • Mangiare sul mare: secondo Forbes in Liguria due ristoranti tra i più belli d'Italia

Torna su
GenovaToday è in caricamento