Inchiesta Morandi, nuove perquisizioni nelle sedi di Aspi e Spea

Le forze dell'ordine si sono presentate negli uffici del capoluogo ligure, di Bologna e Firenze in cerca di documentazione relativa allo stato del viadotto crollato il 14 agosto

Nuove perquisizioni nell’ambito dell’inchiesta sul crollo del ponte Morandi. 

Giovedì mattina le forze dell’ordine si sono presentate nelle sedi di Genova, Bologna e Firenze delle società Autostrade per l’Italia e Spea (controllata che si occupa di manutenzioni) in cerca di documentazione relativa alla manutenzione e alle condizioni del viadotto nei periodo precedente al crollo del 14 agosto, che ha causato la morte di 43 persone.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A oggi sono 21 gli indagati nell’ambito dell’inchiesta, cui si aggiungono Spea e Autostrade. Il numero sembra però destinato a salire, stando a quanto lasciato intendere dal procuratore Cozzi, anche se le certezze arriveranno soltanto in occasione del secondo incidente probatorio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autostrade, scatta la gratuità del pedaggio su alcune tratte

  • Doppio tampone negativo, torna in Rsa e contagia 29 persone

  • Marijuana per tutti i gusti, giovane in manette a Sestri

  • Bimba rimane chiusa in auto. Genitori: «È nuova, non sappiamo aprirla»

  • Coronavirus, l’infettivologo Bassetti: «Primo tempo sta per finire, prepariamoci al secondo»

  • Trovato senza vita Andrea Calabrese, era scomparso da una settimana

Torna su
GenovaToday è in caricamento