Demolizione Morandi, scesa la trave tra le pile 10 e 11

Iniziano a vedersi i risultati delle operazioni di smontaggio del troncone est del viadotto sul Polcevera. Nelle ultime ore anche la sezione che unisce le due pile ha toccato terra

Ancora non si sa quando verranno fatte esplodere, ma intanto nel cantiere lato est del Morandi la demolizione delle pile 10 e 11 prosegue, concentrandosi su ciò che a oggi si può fare senza ricorrere all’esplosivo. E cioè, tagliare e calare a terra la trave tampone che unisce le due strutture, operazione conclusa giovedì, e poi procedere con la demolizione meccanica di due palazzi di via Porro.

La trave-impalcato pesava 750 tonnellate, era lunga 36 metri e larga 18. Le operazioni di taglio, svolte come di consueto tramite filo diamantato, sono iniziate alle 10 di giovedì mattina, mentre la discesa è iniziata alle 16 e si è conclusa 4 ore dopo senza intoppi. Sul lato est, dunque, i demolitori procederanno con i lavori di demolizione dei caseggiati in attesa del via libera per l’utilizzo delle microcariche che, nel giro di pochi secondi, dovrebbero far crollare su loro stesse le pile 10 e 11. 

Il piano è stato esaminato in prefettura mercoledì mattina, ma nessuna decisione operativa finale è stata presa, e la data è ancora incerta, seppure sempre più voci confermino l’intenzione del sindaco-commissario Marco Bucci di procedere il weekend che va dal 22 al 24 giugno, giorno del patrono di Genova, San Giovanni Battista.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Proprio per accertarsi di adottare la procedura meno rischiosa e più efficace possibile, i demolitori nei prossimi giorni dovrebbero tornare nell’ex cava dei Camaldoli, sulle alture di San Fruttuoso, per testare una nuova tecnica anti-polveri in aggiunta alle strategie già messe alla prova. L’acqua, ancora una volta, giocherà un ruolo fondamentale per evitare, o quantomeno contenere, la dispersione. Stando a quanto trapelato sino a oggi, la struttura commissariale evacuerà un’area di circa 600 metri di raggio, lasciando però che i residenti facciano ritorno nelle loro case per la notte.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Passano la notte insieme in albergo, al mattino sul conto di lei mancano 750 euro

  • Tragico schianto in via Merano, muore scooterista

  • Malore fatale in strada, tragedia a Santa Margherita Ligure

  • Meteo: la perturbazione cambia traiettoria, modificati gli orari dell'allerta

  • Coronavirus, nuovo cluster a Busalla: coinvolte due famiglie

  • Ritrovato dopo otto anni un giovane scomparso da Roma

Torna su
GenovaToday è in caricamento