Morandi, ispezione antimafia nel cantiere: controlli su operai, mezzi e aziende

L'operazione, organizzata su input della prefettura, è stata coordinata dalla Direzione Investigativa Antimafia di Genova

Resta alta l’attenzione sulle infiltrazioni mafiose nel cantiere per la demolizione e la ricostruzione del ponte Morandi: come da intesa firmata con Anac, mercoledì mattina si è tenuta un’ispezione coordinata dalla Direzione Investigativa Antimafia di Genova, cui hanno preso parte anche uomini della Questura, del Comando Provinciale Carabinieri, della Guardia di Finanza, del Provveditorato Interregionale Opere Pubbliche e dell’Ispettorato Territoriale del Lavoro,

Nell’operazione sono state impegnate complessivamente 61 persone, che hanno controllato 99 persone, 80 mezzi e 43 aziende presenti nel cantiere. Già nel mese di gennaio, il prefetto di Genova e il sindaco-commissario Marco Bucci - in attuazione del Decreto del Ministro dell’Interno del 20 novembre 2018 - avevano condiviso la necessità di avviare una stretta collaborazione finalizzata proprio a prevenire eventuali infiltrazioni mafiose nell’opera di ricostruzione.

Nell’occasione era stato sottoscritto anche un Protocollo antimafia che, tra le altre cose, comporta anche la creazione di una piattaforma informatica gestita dalla struttura commissariale e dalle aziende che eseguono i lavori, che consentirà alle forze di polizia, al Provveditorato Opere Pubbliche e all’Ispettorato del Lavoro di monitorare con attenzione ogni singola azione connessa al cantiere e ogni persona o mezzo che vi accedono.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nell'ottobre del 2018 era stato proprio il presidenti dell'Anac, Raffaele Cantone, a lanciare l'allarme sul cantiere del Morandi, sottolineando l'alto rischio di infiltrazioni mafiose, stabilendo poi in accordo con il sindaco-commissario Bucci una stretta collaborazione finalizzata proprio a prevenire eventuali influenze della criminalità organizzata in un'opera così importante e delicata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la curva rallenta, ma i contagiati sono oltre 2.000 e i morti 254

  • Scrive sull'auto certificazione: «Vado a comprare dello stupefacente» e altre scuse assurde di chi esce di casa a Genova

  • Basilico in esubero per chiusura ristoranti, le aziende agricole organizzano la consegna a domicilio

  • Coronavirus, i numeri tornano a crescere in Liguria: 2.226 i positivi, 26 nuovi decessi

  • Coronavirus: 1.273 le persone positive in Liguria (181 nelle ultime 24 ore), 151 i morti

  • Coronavirus: lieve calo dei nuovi casi dopo tre giornate nere, i morti sono 231

Torna su
GenovaToday è in caricamento