Morandi, in attesa del "piano amianto" si procede con lo smontaggio

Al vaglio della struttura commissariale e dei tecnici dell'associazione temporanea di imprese soluzioni alternative per demolire la pila 8. Proseguono le bonifiche nelle parti comuni dei palazzi

Una maggiore irrigazione e protezioni specifiche, oppure l'accantonamento definitivo dell'esplosivo e la demolizione meccanica: sono le due soluzioni su cui stanno lavorando in questi giorni la struttura commissariale del sindaco Marco Bucci e l'associazione temporanea di imprese incaricate della demolizione del ponte Morandi (Ipe Progetti, Ireos, Fagioli e Omini).

L'obiettivo è presentare alla commissione materiali esplosivi della prefettura un piano che garantisca il proseguimento del cantiere, e soprattutto l'abbattimento prima della pila 8, sul troncone ovest, e poi delle pile 10 e 11. Per cui a oggi, come ammesso dallo stesso Bucci, «non abbiamo alternativa all'uso dell'esplosivo». Il problema è sempre lo stesso: la presenza di crisolito, le cosiddette "pietre verdi" da cui si estrae l'amianto, in alcune parti del ponte.

I valori, pur molto bassi, sono emersi nel corso delle analisi della seconda tranche dei carotaggi effettuati sul ponte, nello specifico in 6 campioni su 24. Per prefettura e procura (dove è stato presentato l'esposto dell'Osservatorio Nazionale Amianto e del comitato Liberi Cittadini Certosa) sono però più che sufficienti a "congelare" l'esplosione delle 250 micro cariche che già erano state sistemate intorno alla pila 8, e a rimandare tutto a data da destinarsi.

Il sindaco Bucci non ha nascosto di puntare a sabato 16 marzo: una sola settimana di ritardo rispetto al cronoprogramma, tempi più stretti ma ancora possibili da rispettare per l'inizio della ricostruzione (31 marzo). «Potremmo farlo qualsiasi giorno, una volta avuto l'ok della commissione - ha detto il primo cittadino - ma preferiamo fissare l'esplosione il sabato per dare il meno fastidio possibile al traffico della Valpolcevera».

Sabato 16, dunque, potrebbe essere il giorno dell'esplosione della pila 8, posto che si trovi un piano adeguato per garantire la minima dispersione di polveri, che non è esclusa neppure con lo smontaggio meccanico della pila. E dunque i tecnici lavorano a due soluzioni, da un lato aumentare l'irrigazione impiegando un numero maggiore di cannoni d'acqua per "innaffiare" la pila e impedire il sollevamento delle polveri, dall'altra il posizionamento di teloni che avvolgerebbero l'intera struttura per l'intera durata dei lavori.

L'ultima parola è della commissione, che si riunirà a metà settimana per decidere su quale soluzioni optare e soprattutto dettare i tempi di realizzazione. Nel frattempo, i demilitori proseguono con le operazioni di preparazione per l'abbassamento del quarto impalcato tampone sul troncone ovest e con la demolizione dei capannoni industriali, mentre sotto il troncone est, in via Porro, va avanti il montaggio delle sei torri di sostegno dell'impalcato delle pile 10 e 11.

Sempre sul lato est sono inoltre in corso le bonifiche da ordigni bellici ritrovati nell'area sottostante la pila 10, e le bonifiche all'interno delle cantine e delle parti comuni negli edifici di via Porro e via Fillak, dove era già stata confermata la presenza di amianto.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • è giusto fare controlli ma visto che hanno detto che è tutto nella norma FACCIAMOLI LAVORARE IN SANTA PACE cosi al piu' presto finiremo questo benedetto ponte .

  • Sti ecologisti e ambientalisti hanno fatto piu danni loro che l crollo del ponte. Non avendo niente da fare nella vita esistono solo per rallentare se non addirittura fermare lavori che possono portare benefici alla città- Vanno a vedere (tanto per contrariare qualcosa o qualcuno) le polveri generate dalle esplosioni e poi la città ogni giorno è avvelenata da milioni di auto in coda generando un inquinamento colossale, e poi loro stessi sono i primi a lasciare il SUV acceso co le 4 frecce in doppia fila mentre sono al bar a farsi un caffe. Ma per favore ma vi rendete conto come ha colassato questa ottusa e lenta città? Ma andate a fare un giro per le strade di genova eternamente intasate perche altre strade non ci sono perche VOI fate subito casino per bloccare una ipotetica alternativa di costruire nuove infrastrutture! statevene a casa a guardare C'E POSTA X TE.....

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Primo weekend di primavera, assalto alle spiagge e folla in città

  • Incidenti stradali

    Travolge una moto durante un sorpasso, caccia allo scooterista pirata

  • Cronaca

    Meningite, pensionata in Rianimazione al San Martino

  • Cronaca

    Fiamme in val d'Aveto, distrutti 8 ettari di boschi

I più letti della settimana

  • Mortale in via Bobbio, un video incastra l'automobilista che ammette: «Sono passato col rosso»

  • Grossi quantitativi di droga e armi, arrestato allenatore di calcio

  • Si cappotta in auto, grave una donna

  • Panico in centro, minaccia di gettarsi da ponte Monumentale

  • Ventuno euro per fare da San Martino a Quarto in taxi, indaga la polizia

  • Nascondeva cocaina in trattoria, arrestato noto ristoratore di Sampierdarena

Torna su
GenovaToday è in caricamento