Rapina sala slot a Sampierdarena, arrestato dopo mesi d'indagini

Si era avvicinato alla cassa, e, minacciando l'impiegata puntandole un coltello al ventre, le aveva intimato di aprire la cassa. Per questo un 32enne, ritenuto autore della rapina, è stato arrestato e trasferito in carcere

Nei mesi scorsi un giovane, dopo aver effettuato alcune giocate all'interno di una sala slot in via Molteni a Sampierdarena, si era avvicinato alla cassa, e, minacciando l'impiegata, una genovese di 26 anni, puntandole un coltello al ventre, le aveva intimato di aprire la cassa, dalla quale aveva asportato la somma di 400 euro in contanti, dileguandosi lunghe le vie limitrofe.

Lunedì 11 novembre 2019, al termine di un'accurata attività d'indagine, militari della compagnia carabinieri di Sampierdarena, dopo aver raccolto numerosi elementi probatori per identificare l'autore della rapina, a seguito di ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dalla locale autorità giudiziaria, hanno arrestato un albanese di 32 anni, gravato da pregiudizi di polizia e senza fissa dimora.

Quest'ultimo è stato trasferito nel carcere di Marassi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico schianto in via Siffredi, muore 27enne

  • Tragico malore sul bus, muore 38enne

  • Scalinata Borghese restituita alla città: ecco com'è diventata

  • "Gelatina" di Genova è la migliore gelateria emergente d'Italia per Gambero Rosso

  • Schianto in via Siffredi, il giallo sulla morte di Burim

  • Addio a Giovanni Filocamo, è morto il "matematico curioso"

Torna su
GenovaToday è in caricamento