Minorenni scappano da una comunità in Sicilia e percorrono l'Italia in treno: trovati a Genova

I tre ragazzini si erano allontanati il giorno prima dalla comunità "Il Nodo" di Acireale dove erano affidati

Hanno letteralmente attraversato l'Italia in treno, da Acireale (Catania) a Genova, fino a quando non sono stati rintracciati dalla polizia ferroviaria di Genova Principe.

Si tratta di tre ragazzini di nazionalità diversa, uno della Costa d'Avorio, un egiziano e uno del Mali, tutti minorenni. I tre si erano allontanati il giorno prima dalla comunità "Il Nodo" di Acireale dove erano affidati.

I ragazzi, che non parlano italiano, sono stati trovati a bordo di un treno fermo nella stazione di Genova Principe in possesso dei soli documenti personali, senza denaro, senza punti di riferimento. Gli agenti della Polfer si sono immediatamente resi conto che avevano a che fare con i protagonisti di una nota di ricerca emessa proprio in seguito alla denuncia di allontanamento sporta dal responsabile della struttura siciliana.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dopo aver accertato l'identità e la provenienza dei giovani, seguendo le dispisizoni della Procura dei Minori di Genova, i poliziotti li hanno accompagnati in una nuova struttura di accoglienza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto contromano in corso Europa, al volante non c'è nessuno

  • Aster assume, indetti tre nuovi bandi: come partecipare

  • Si tuffa a Punta Chiappa e batte la testa sugli scogli

  • Bar in bancarotta: imprenditore si finge dipendente e prende la disoccupazione

  • Giovani turisti lombardi devastano Moneglia

  • Cerca di strangolare la fidanzata e devasta un locale: arrestato

Torna su
GenovaToday è in caricamento