Belgio, fumettista ligure preso a sprangate con il marito perché gay: «Un incubo»

Mauro Padovani, originario di Lavagna, da tempo vive a Gand con il compagno Tom, sposato proprio in Belgio. Lo scorso 7 agosto sono stati aggrediti e picchiati a sangue da due vicini di casa: l'intervista

Aggrediti e brutalmente picchiati perché omosessuali: è successo a Gand, in Belgio, al fumettista Mauro Padovani, originario di Lavagna, e al marito, Thomas Freeman. Autori del pestaggio, due vicini di casa, una giovane di origini croate e un ragazzo di origini bulgare che da anni li avevano presi di mira.

La denuncia è arrivata tramite Facebook, corredata da immagini choc in cui Padovani, formato all’Istituto Statale d’Arte di Chiavari, appare insieme con il marito, entrambi con il viso tumefatto e insanguinato. Nel giro di pochi giorni, foto e denuncia hanno fatto il giro del Web raccogliendo migliaia di condivisioni e commenti indignati: un episodio che ha scosso la tranquilla comunità della liberale Gand, e che si aggiunge all’elenco delle aggressioni e delle discriminazioni di stampo omofobo registrate negli ultimi tempi.

Raggiunto da Genova Today, Padovani, 47 anni, ha confermato l'accaduto, ricordandolo con profondo dolore e frustrazione mentre ancora fa i conti con le conseguenze fisiche e psicologiche che il pestaggio ha provocato.

Mauro, può raccontarci che cosa è successo?

«Io e Thomas siamo stati aggrediti dai nostri vicini, è stato davvero brutale. Io ho molte ecchimosi e Tom ha due vertebre fratturate. A mio marito è stato diagnosticato l'Alzheimer 3 anni fa, è come un bambino. Ci hanno aggredito con una sbarra di metallo (il bloccasterzo dell'auto, ndr), io ho ricevuto diversi colpi alla testa»

La polizia ha arrestato due persone, una coppia che abita nello stesso vostro palazzo. Era la prima volta che vi aggredivano?

«Assolutamente no. Sono 4 anni che rendono la nostra vita un inferno, Tom aveva già preso un pugno in faccia due anni fa, io anche sono stato aggredito soltanto due mesi fa. In un altro episodio la ragazza, che vive sopra di noi, ha gettato due mattoni pieni dal suo terrazzo sul nostro, mancandomi di pochissimo. La polizia non ha mai fatto nulla. Ci hanno aggrediti in un posteggio per portatori di handicap: erano seduti tra due auto, la ragazza ha sputato sul vetro. Tom è sceso, e per noi è iniziato l'inferno».

Questa volta però le forze dell'ordine sono inevitabilmente intervenute.

«Sì, sono stati entrambi arrestati. La ragazza deve stare lontana da noi per almeno un mese, e il ragazzo è in prigione, dove resterà per un mese: sarà il giudice a stabilire cosa farne di lui. Con l'aggravante per omofobia dovrebbe avere la pena raddoppiata e scontare ogni singolo giorni in prigione»

Lei e Thomas vi siete innamorati e sposati in Belgio 5 anni fa. Come ha reagito la comunità belga?

«Venerdì scorso la popolazione belga di Gand ha organizzato ben due manifestazioni per dimostrarci supporto e solidarietà, di cui sono stato ospite. Ha partecipato molta gente, un bel segnale».

C'è qualcosa che vi sentite di dire come vittime dell'ennesima aggressione di stampo omofobo?

«Solo una: spero che nessun omosessuale, né qui in Belgio né in Italia, debba mai subire un assalto brutale come quello che abbiamo subito noi». 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (6)

  • E una violenza che non deve succedere a nessuno!!

    • Condivido... Rispondevo al tastierista represso

  • Allora avevo capito bene, commento stupido,,,, li conosci??

  • Gli hanno dato il benvenuto

    • Cioè

      • Fattelo spiegare da quella bella coppia

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Via Siffredi chiude nel weekend: le modifiche alla viabilità

  • Cronaca

    Trovato morto il fungaiolo disperso a Serra Riccò

  • Cronaca

    Cocaina tra caffè e zucchero, il laboratorio era in cucina

  • Cronaca

    Greenpeace, la protesta nei supermercati contro l'olio di palma

I più letti della settimana

  • Cadavere decapitato, trovato a Begato

  • La leggenda della Bella di Torriglia: chi era in realtà?

  • Ciclista travolto da scooter, è grave

  • Elenco regionale operatori socio sanitari, confronto sulla proposta di legge

  • Tragedia di Begato, la procura apre un'inchiesta per omicidio: «Atto tecnico»

  • Scomparso nei boschi di Bosio, l'appello della famiglia: «Continuate a cercare Saverio»

Torna su
GenovaToday è in caricamento