Torre piloti, adozione concessa post mortem

Caso unico in Italia: una bimba adottata da una vedova e dal marito morto nel crollo della Torre piloti di Genova

Il tribunale dei minori di Genova ha concesso l'adozione post mortem, tramite la richiesta della vedova, a un militare deceduto il 7 maggio 2013 nel porto del capoluogo ligure. Si tratta di un caso davvero particolare, anzi, unico in Italia: il diritto di adottare un minore anche in caso di decesso.

Marco De Candussio, sottufficiale della Marina militare, e la moglie Paola De Carli hanno ottenuto il riconoscimento di questo diritto grazie all'articolo 25 della legge 184/83, che al comma IV prevede che, in caso di morte o di sopravvenuta incapacità di uno dei coniugi affidatari, l’adozione può essere ugualmente disposta su istanza dell’altro coniuge. La coppia aveva in affido la piccola dal 2007, quando aveva otto mesi, e ora la bambina ha ottenuto il riconoscimento di poter portare il cognome del padre adottivo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'incidente della nave mercantile Jolly Nero causò la morte di nove persone che lavoravano presso la Torre piloti, crollata proprio a causa di una manovra errata dell'imbarcazione. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: la curva rallenta, ma i contagiati sono oltre 2.000 e i morti 254

  • Basilico in esubero per chiusura ristoranti, le aziende agricole organizzano la consegna a domicilio

  • Coronavirus, i numeri tornano a crescere in Liguria: 2.226 i positivi, 26 nuovi decessi

  • Coronavirus: lieve calo dei nuovi casi dopo tre giornate nere, i morti sono 231

  • Coronavirus, la foto della speranza: intubata per 7 giorni, 27enne migliora e si risveglia

  • Coronavirus: 1478 positivi in Liguria, 205 in più rispetto a sabato

Torna su
GenovaToday è in caricamento