Marassi, dopo la maxi rissa in carcere arriva l'ispettore del Ministero

A poche ore dall'ennesimo episodio di violenza andato in scena nel penitenziario genovese, il ministro della Giustizia Andrea Orlando ha annunciato l'apertura di un'inchiesta e inviato per un sopralluogo il capo del Dap

E’ arrivato questa mattina nel capoluogo genovese Santi Consolo, capo del Dap (Dipartimento amministrazione penitenziaria), inviato dal ministro della Giustizia Andrea Orlando per un sopralluogo nel carcere di Marassi, dove ieri sera è andata in scena una maxi rissa che ha visto coinvolte oltre 60 detenuti tra sudamericani e albanesi.

Le due fazioni si sono fronteggiate durante l’ora d’aria, affrontandosi con armi rudimentali ricavate da maniglie delle porte, bombolette spray e altri oggetti di fortuna e dando vita a un vero e proprio regolamento di conti culminato con il ferimento di una ventina persone.

L’ennesimo episodio di questo tipo che si verifica nel penitenziario genovese, che ha sollevato le proteste dei sindacati di polizia, che denunciano il sovraffollamento della struttura e la carenza di organico, e che ha spinto il ministero della Giustizia a chiedere l’apertura di un’inchiesta, con l’arrivo tempestivo di Consolo per una visita d’ispezione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rientra a casa tardi e litiga con la moglie, si scopre che era a spacciare

  • Temperature in picchiata, in Liguria arriva la prima neve

  • Sos freddo al parco canile Dogsville: come aiutare

  • Razzismo contro bimbo disabile sul bus: «Me lo potete togliere?»

  • Peggioramento in arrivo: l'allerta meteo diventa arancione

  • Allerta meteo, fulmine spegne la Lanterna. Neve e frane nell'entroterra

Torna su
GenovaToday è in caricamento