Giovane detenuto s'impicca nel carcere di Marassi

Il giovane ha legato un lenzuolo alla finestra e poi se l'è stretto al collo. I medici hanno dichiarato la morte cerebrale

Tragedia in carcere a Marassi. Un giovane di 22 anni di origine marocchina si è tolto la vita impiccandosi nella sua cella mentre era solo. È successo giovedì 7 febbraio 2019. Intorno alle 18 il giovane è stato soccorso dalla polizia penitenziaria e rianimato per circa un'ora prima di essere trasportato al pronto soccorso. Intorno alle 22 i medici hanno dichiarato la morte cerebrale.

Il giovane ha legato un lenzuolo alla finestra e poi se l'è stretto al collo. Al momento è tenuto in vita con i macchinari. Il ragazzo si trovava ristretto in una sezione a grande sorveglianza, ma, a quanto pare, la telecamera della cella era fuori uso.

Appena ieri il sindacato Sappe è tornato a richiamare l'attenzione sull'annoso problema del sovraffollamento, che affligge il carcere di Genova Marassi, dove sono ospitati 730 detenuti su una capienza di 546 posti. Nel 2018 la polizia penitenziaria ha sventato trenta tentativi di suicidio. Purtroppo questa volta gli agenti non sono arrivati in tempo.

Potrebbe interessarti

  • Perché San Giovanni Battista è il patrono di Genova?

  • La leggenda dell'isola di Bergeggi

  • Ristoranti, vita notturna e shopping: così il Guardian promuove Genova

  • La leggenda del ponte dei suicidi a Carignano

I più letti della settimana

  • Alla Fiumara apre un nuovo negozio

  • Cibo mal conservato, chiuso ristorante

  • Accoltella un uomo alla gola, fermato da poliziotta "cintura nera"

  • Perché San Giovanni Battista è il patrono di Genova?

  • La leggenda dell'isola di Bergeggi

  • Pedone investito in via Gramsci, traffico bloccato

Torna su
GenovaToday è in caricamento