Manifesto contro l'aborto in corso Buenos Aires: scoppia la polemica

Lo stesso cartellone era già comparso a Roma, dove la sindaca Raggi lo aveva fatto rimuovere, a Biella e a Perugia. Associazioni sul piede di guerra

foto: Laura Guidetti

Scoppia anche a Genova la polemica sui cartelloni contro l’aborto già deflagrata a Roma e in altre città italiane: il contestato manifesto (in dimensioni maxi) firmato dall’associazione Pro-Vita Onlus che ritrae un feto accompagnato dalle frasi “Tu eri così a 11 settimane” e "Ora sei qui perché la tua mamma non ha abortito" è comparso su un palazzo in corso Buenos Aires, in pieno centro, dividendo da subito la città e suscitando immediate proteste.

Lo scatto del manifesto è stato infatti condiviso su Facebook e ha rapidamente fatto il giro dei social, suscitando una valanga di commenti e la proposta di presentare una mozione e raccogliere firme per chiederne la rimozione, così come già accaduto a Roma:  «Il Coordinamento Liguria Rainbow, che raccoglie tra le sua fila non solo persone lgbti ma anche singoli/e donne uomini e femministe, ritiene che il catellone pubblicitario sia offensivo, colpevolizzando le donne che scelgono di seguire ciò che la legge permette, e che nella settimana del compleanno della legge 194 questo cartello sembra fatto ad hoc - è stata l'immediata reazione dell'associazione da anni impegnata nella difesa dei diritti civili - Ci impegneremo in tutti  i modi perchè il cartello venga rimosso il prima possibile, in quanto lesivo del rispetto dei diritti e delle libertà individuali».

Sulla questione nel pomeriggio è intervenuto anche il gruppo Pd in Comune, che ha definito «inopportuno e lesivo della sensibilità delle donne e di ognuno di noi il maxi manifesto contro l'aborto affisso in corso Buenos Aires e firmato dall’associazione Pro-Vita. Un’immagine e un messaggio già comparsi nelle scorse settimane a Roma, dove, dopo numerose proteste, il manifesto è stato rimosso - si legge in una dichiarazione diffusa anche a mezzo social - Chiediamo che sul caso di Genova intervengano il Garante dell' infanzia, perché questa pubblicità è lesiva nei confronti dei bambini, e il Difensore civico, considerato che immagine e messaggio scelti costituiscono, a nostro giudizio, un attacco alle donne in un ambito personale che richiede invece sensibilità e delicatezza».

Anche la Camera del Lavoro di Genova, in una nota, ha condannato l'affissione: «Negli ultimi tempi sta riprendendo una cattiva battaglia sul corpo delle donne che usa immagini e parole fuori luogo, violente e sbagliate. A Genova è comparso un manifesto che vuole colpevolizzare le donne - si sottolinea nel comunicato - Le istituzioni e il Comune di Genova dovrebbero subito intervenire rimuovendo quel cartello. In altri paesi europei, come la Francia, fare pressioni per convincere le donne a non abortire è un reato. Pensiamo che sia arrivato il momento che anche in Italia lo diventi. La Cgil continuerà a sostenere che la scelta fatta 40 anni fa a sostegno della legge 194 non va affatto messa in discussione, semmai andrebbe rafforzata».

Il cartellone, come detto, è stato affisso sul muro laterale di un palazzo che sorge accanto alla chiesa di Santa Zita, e dal punto di vista relativo strettamente all'affissione sembrerebbe rispettare i requisiti per la concessione di spazi pubblicitari su edifici privati: stando a quanto appreso, si tratta di un impianto appunto privato, appartenente a una concessionaria di pubblicità che opera su Genova e Milano. Resta da chiarire adesso la posizione del Comune, anche alla luce della recente presa di posizione della sindaca Raggi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in via Siffredi, muore ventenne

  • Schianto in moto a Nervi, muore ragazza di 18 anni

  • Sestri Levante: massacrato dal branco per un telefono cellulare

  • Meteo: la perturbazione cambia traiettoria, modificati gli orari dell'allerta

  • A settembre su Sky la serie con Paola Cortellesi, ambientata a Genova

  • Ritrovato dopo otto anni un giovane scomparso da Roma

Torna su
GenovaToday è in caricamento