Aree ex manicomio di Quarto: il consiglio municipale del Levante chiede un tavolo di confronto

Lorenzo Pellerano, consigliere regionale della Lista Biasotti, sostiene la richiesta del consiglio municipale: «Occorre discutere insieme sul futuro delle aree, dei servizi e dei pazienti»

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di GenovaToday

Genova - A dicembre 2011 per far fronte al buco di 150 milioni nei conti della sanità ligure la Regione ha deciso di vendere ad Arte una lunga lista di immobili fra i quali spicca l’ex manicomio di Genova Quarto.

Attualmente all’interno della struttura venduta sono ancora operativi servizi sanitari e amministrativi, Rsa psichiatriche, residenzialità, semiresidenzialità e assistenza disabili, Rsa per anziani, il centro Alzheimer, il Servizio Disturbi Alimentari, nonché la storica biblioteca del Dipartimento di Salute Mentale, il Museo delle Forme Inconsapevoli, l’archivio storico delle cartelle cliniche, la mensa, la sede di una cooperativa sociale, le aule per la formazione dell’infermieristico.

Ieri sera il consiglio municipale del Levante ha approvato all’unanimità un documento, contenente alcune integrazioni proposte dai consiglieri di minoranza, in cui si chiedono garanzie sul futuro dei servizi e delle aree dell’ex manicomio di Quarto, nonché l’attivazione di un tavolo di confronto che veda la partecipazione del Distretto Socio-Sanitario, di Asl 3, Regione, Provincia, Comune, Municipio, Arte e del Coordinamento di Quarto.

«Si tratta di un'iniziativa importante che tutti i gruppi all'opposizione hanno voluto fortemente sostenere – spiega Walter Vassallo, presidente della I Commissione, competente in materia di pari opportunità – Un esempio tangibile, dove il buon senso è stato trasversale a qualsiasi posizione individualistica. Siamo tutti in perfetta sintonia con il testo, approvato all'unanimità dal consiglio, che include le integrazioni portate avanti da tutti i gruppi della minoranza. Alcune di queste integrazioni sono frutto delle osservazioni fornite dall'Associazione famiglie pazienti psichiatrici Alfapp, che ringrazio, e hanno l'obiettivo di scongiurare scenari di emarginazione per i pazienti e garantire che non si presentino casi di disorientamento per paventati trasferimenti verso altre strutture».

Lorenzo Pellerano, consigliere regionale della Lista Biasotti, che da mesi si sta occupando della questione riguardante la cessione degli immobili Asl, ha assistito ai lavori del consiglio municipale e sostiene la richiesta del Municipio Levante: «Ritengo molto significativa la presa di posizione unitaria del Municipio: si chiede a Regione, Arte e ad Asl di discutere insieme il futuro delle aree di Quarto, dei pazienti e dell'offerta sanitaria nel Levante cittadino. Mi auguro che questa richiesta, assolutamente ragionevole, venga accolta al più presto. C'è poco tempo per risolvere un grande pasticcio, ma il quartiere e i pazienti hanno diritto di dire la loro su un'operazione che porterà molti milioni di euro nelle casse pubbliche». I principali obiettivi da raggiungere in sede di tavolo di confronto sono la sospensione dei trasferimenti dei pazienti, un accordo per continuare a garantire i servizi sanitari alla struttura del Levante genovese cercando di costituire una Casa della salute ed il mantenimento – almeno parziale – della funzione pubblica delle aree di Quarto.

Torna su
GenovaToday è in caricamento