Maltempo: danni nel Tigullio, la situazione

Il prossimo evento meteo a cui prestare particolare attenzione nelle prossime ore riguarda il mare: per lunedì è prevista una mareggiata intensa

Frana a Casarza Ligure

Domenica complicata su alcune zone della Liguria. Nel pomeriggio Arpal ha aggiornato colori e orari dell'allerta. E la Regione ha fornito un quadro aggiornato della situazione.

Il grosso delle precipitazioni sulla Liguria si è esaurito nel corso del pomeriggio e l'attenzione in questo momento è sul fiume Magra, il cui picco di piena sta transitando entro i limiti di guardia. Lungo il corso del Magra sono state comunque avviate le evacuazioni precauzionali previste dal piano di Protezione civile per le ondate di piena-

Il prossimo evento meteo a cui prestare particolare attenzione nelle prossime ore riguarda il mare: per lunedì è prevista una mareggiata intensa, con onde tra 4,5 e i 5 metri di altezza sul centro e il levante della regione, e mareggiata sui capi esposti all'azione del libeccio a ponente. I venti sono previsti intensi dai quadranti meridionali.

Nelle prime ore del mattinino un albero ha travolto un palo della luce che ha occupato il sedime stradale sulla Via Aurelia e travolto il manto in tegole di un'abitazione. Gli sfollati sono 9. Una donna a Castiglione Chiavarese risulta ferita, ma fuori pericolo.

Durante la giornata si sono registrati diversi smottamenti, frane, locali esondazioni di fiumi e torrenti nel levante ligure, nel Tigullio e nell'entroterra. Alcune strade sono state chiuse, diverse persone sono state invitate ad abbandonare i piani bassi delle case.

La zona più colpita resta quella di Sestri Levante, Casarza e Moneglia e relativo entroterra, e delle valli del Vara e del Magra. Nella mattinata intorno alle ore 10.30 oltre 200 mm di pioggia sulla zona di Sestri Levante, Casarza, Moneglia e Castiglione Chiavarese con numerose conseguenze di allagamenti, evacuazioni preventive delle abitazioni e dei locali a piani bassi, smottamenti e frane sulla viabilità. Viene attivata la colonna mobile regionale che arriva sul posto intorno alle 12.30 mettendosi a disposizione dei sindaci per supportarli nelle attività di monitoraggio e soccorso, tutt'ora in corso.

A Sestri Levante i torrenti Gromolo e Petronio creano apprensione e in alcuni punti arrivano al limite di esondazione. Il ponte in zona Pestella viene sormontato al confine tra Sestri e Casarza, con alcuni problemi strutturali. Numerosi allagamenti di sottopassi e di tratti di viabilità anche del centro cittadino. A Casarza Ligure il torrente Petronio raggiunge i limiti arginali, la viabilità lungo il torrente è allagata e dai versanti si riversano ruscellamenti abbondanti sulla viabilità con conseguenza di smottamenti e frane diffuse. Nella frazione Bargone la viabilità è allagata e una frana ha investito un'auto in sosta, per fortuna senza conseguenze per le persone. A Moneglia il torrente San Lorenzo e il rio Bisagno arrivano ai limiti dell'esondazione e un'abitazione con tre abitanti viene cautelativamente evacuata. Si registrano problemi sulle provinciale 68 per una frana e per esondazione del torrente San Lorenzo, cui si sta provvedendo per ripristinare il transito a una corsia a senso unico alternato, e sulla provinciale 55 per diversi movimenti franosi e tombini occlusi.

La frana più significativa, invece, si è verificata a Sanremo nella notte tra sabato e domenica, che ha isolato decine di residenti in zona San Pietro.

Dal punto di vista delle strutture sanitarie, nella Asl 1 a seguito delle forti piogge della notte tra sabato e domenica si sono otturati due pluviali del blocco operatorio dell'ospedale di Sanremo provocando infiltrazioni. Si è già intervenuti per il ripristino, alle 17 di oggi è stato effettuato un ulteriore intervento. Lunedì 4 novembre probabilmente il blocco operatorio sarà operativo al 50 % e dovrebbe tornare a regime nella giornata di martedì.

Nella Asl 4 è volata parte di una copertura Uta (Unità trattamento aria) posizionata sul tetto dell'ospedale di Sestri Levante. Sono intervenuti operai per la rimozione, non appena le condizioni meteorologiche lo consentiranno si procederà alla sostituzione. All'ospedale di Lavagna un pannello di protezione per l'insonorizzazione delle sale operatorie è stato parzialmente divelto dalla sede originaria e messo tempestivamente in sicurezza.

A partire dalla tarda mattinata, accesso ospedale di Lavagna regolare: nel corso della mattinata di domenica 3 novembre, causa alberi in strada, era stato attivato percorso alternativo per raggiungere l'ospedale.

In tutti i complessi ospedalieri, alle ore 17, nessuna funzionalità risultava compromessa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sorbillo apre a Genova: «Pizza gratis per tutti»

  • Intossicazione da monossido, morte madre e figlia

  • Scopre la morte della madre e si uccide gettandosi dal Monoblocco

  • Ucciso il cinghiale "educato" che attraversava sulle strisce guidato dal vigile

  • Le orche non lasciano il porto: «Hanno perso peso». Si cerca il corpo del piccolo

  • Timori e speranze per le orche "genovesi", porto in continuo monitoraggio

Torna su
GenovaToday è in caricamento