Cocaina ed eroina sul lungomare di Pegli, pusher in manette

I poliziotti, dopo una complessa indagine, hanno scoperto che lo spacciatore confezionava dosi di droga nell'appartamento di sua proprietà nel quartiere di Prà per poi venderle sul lungomare di Pegli

Uno spacciatore di droga di 30 anni e origini tunisine è stato arrestato martedì 2 ottobre 2018 alle ore 15 dagli agenti di polizia del commissariato Cornigliano. 

Spaccio di droga a Pegli

I poliziotti, dopo una complessa indagine, hanno scoperto che il 30enne confezionava dosi di droga nell’appartamento di sua proprietà nel quartiere di Prà per poi venderle sul lungomare di Pegli.  Gli uomini di Cornigliano hanno così deciso di pedinarlo; appostati nelle vicinanze dell’appartamento hanno visto uscire il 30enne, prendere un bus per poi dirigersi verso Pegli. Una volta giunti sul lungomare, gli operatori, hanno bloccato il pusher appena è sceso dall'autobus trovandolo in possesso di sette involucri di eroina, per un peso complessivo di 6.78 grammi, di ulteriori 3.20 grammi di cocaina e della somma di 390 euro suddivisa in banconote di piccolo taglio.

La perquisizione domiciliare a Pra'

La successiva perquisizione domiciliare ha consentito agli agenti di rinvenire altri 18 grammi di eroina, due bilancini di precisione e svariato materiale di confezionamento. Il 30enne, con svariati precedenti specifici e presente in maniera irregolare in Italia, è stato portato nel carcere di Marassi dopo l'arresto, a disposizione dell’autorità giudiziaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sorbillo apre a Genova: «Pizza gratis per tutti»

  • Scopre la morte della madre e si uccide gettandosi dal Monoblocco

  • Ucciso il cinghiale "educato" che attraversava sulle strisce guidato dal vigile

  • Dal cibo all'allontanamento forzato: ecco perché non si possono aiutare le orche in porto

  • Orche in porto, interviene il Ministero: «Probabilmente sono malate»

  • Molesta i clienti del ristorante e morde i carabinieri, ricoverata in tso

Torna su
GenovaToday è in caricamento