Sicurezza e terrorismo: "congelata" la linea marittima Genova-Libia

Il debutto era previsto per la prossima settimana, ma l'allerta terrorismo - alta in tutti i porti italiani - avrebbe bloccato tutto

Avrebbe dovuto collegare Genova e Tripoli via mare, trasportando merci e passeggeri a partire dalla prossima settimana ogni quindici giorni, ma sembra che il nulla osta da parte del Comitato di sicurezza portuale - atteso oggi - sia stato negato.

Così almeno per il momento sarebbe "congelata", prevalentemente per motivi di sicurezza legati all'allerta terrorismo, la nuova linea marittima della compagnia di navigazione Methak. La nave Ammari - che si trova a Tripoli - era già pronta per partire per Genova, ma non sarebbero arrivati i permessi. Manca ancora una risposta formale, per questo il condizionale è d'obbligo, ma dovrebbe arrivare nelle prossime ore.

La nave avrebbe dovuto caricare la merce (auto e camion usati provenienti da tutta Europa) al Terminal Messina, per poi spostarsi al Terminal Traghetti e imbarcare passeggeri. Probabilmente la compagnia libica farà un ultimo tentativo, ma la decisione - sulla quale pesa molto anche il parere negativo del Comitato Analisi Strategica Antiterrorismo - sembra ormai presa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I ristoranti di Genova proposti dalla Guida Michelin 2020

  • Coronavirus, c'è un secondo caso alla Spezia

  • Referendum per il taglio dei parlamentari: come e quando si vota

  • Coronavirus, guardia alta anche in Liguria: la Regione attiva sindaci e medici di famiglia

  • Pentema diventa un set per il film "Mondi Paralleli"

  • Coronavirus, Viale: «Negativi i test sulle persone esaminate al San Martino»

Torna su
GenovaToday è in caricamento