Toti: «Autunno più piovoso dal 1953 a oggi»

Ancora quantitativi importanti di pioggia sulla Liguria e frane. A Sori alcuni massi hanno colpito una palazzina e tre persone sono state fatte allontanare

Un'altra giornata difficile per Genova e per la nostra regione. Ai problemi legati alla situazione sulle autostrade, si sono aggiunti quelli causati dal maltempo. Poco prima delle 17 il fiume Entella è uscito dall'argine.

«La Liguria sta vivendo la peggiore ondata maltempo e l'autunno più piovoso dal 1953 a oggi - dichiara il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti -. È chiaro che il combinato disposto degli effetti di questa perturbazione con le decine di strade provinciali e comunali interrotte dalle frane e le due autostrade A26 e A6, la prima a percorrenza ridotta e l'altra ancora chiusa, determina una situazione straordinaria per cui servono strumenti di eccezionale portata sia legislativa sia economica. Credo che sia un'emergenza paragonabile a quella che abbiamo affrontato dopo il crollo del ponte Morandi, al netto del fatto che fortunatamente, anche grazie alla nostra Protezione civile, non ci sono state vittime».

Per quanto riguarda la frana in via Caorsi a Sori, la persona coinvolta è stata aiutata dai vigili del fuoco e sta bene. Sono in corso le valutazioni per far allontanare i residenti della palazzina interessata dalla frana e valutare i danni.

«Il bilancio di questa perturbazione - ha aggiunto il governatore - lo faremo a chiusura dell'allerta perché è probabile che le precipitazioni in atto incidano negativamente sui moltissimi fronti di frana già aperti».

Per lo Stato di emergenza approvato il 21 novembre scorso in relazione all'ondata di maltempo che dal 18 ottobre all'8 novembre aveva interessato la Città Metropolitana e le province di Savona e della Spezia, la stima dei danni era stata di 77 milioni complessivi, di cui 17 milioni per le somme urgenze e 60 milioni per i danni infrastrutturali provocati al patrimonio pubblico. «Il governo - ha affermato Toti - ha riconosciuto alla Liguria solo 9 milioni e 300mila euro per le somme urgenze. Mentre la conta dei danni, ad oggi, supera i 400 milioni di euro, comprensivi delle nuove somme urgenze, senza contare i danni provocati a privati e aziende».

«Questo pacchetto nel suo complesso - ha affermato il governatore della Liguria - deve essere trattato con un intervento normativo straordinario, come avvenuto nel caso di Venezia o, rimanendo in Liguria, per la mareggiata del 2018».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per quanto riguarda l'allerta in corso, la perturbazione in atto è caratterizzata da scrosci e temporali intensi che hanno attraversato la Liguria dall'estremo ponente - con 43.6mm/h registrati a Ceriana, 38.2 mm/h a Pizzeglio e 35.2 mm/h a Rocchetta Nervina - al levante, con un innalzamento repentino dei livelli dei torrenti nel ponente e a Genova del Bisagno. I venti hanno toccato i 120 km orari di raffica, con una media di 80 km orari. Per domani è previsto un rinforzo dei venti, una mareggiata da libeccio con precipitazioni deboli. Venerdì tempo stabile fino a sabato pomeriggio quando è previsto un ulteriore progressivo peggioramento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in via Siffredi, muore ventenne

  • Schianto in moto a Nervi, muore ragazza di 18 anni

  • Sestri Levante: massacrato dal branco per un telefono cellulare

  • Meteo: la perturbazione cambia traiettoria, modificati gli orari dell'allerta

  • Schianto in via Siffredi: addio a Simone, seconda giovanissima vittima in due giorni

  • Sampierdarena, ubriachi devastano un locale e minacciano di morte il proprietario

Torna su
GenovaToday è in caricamento