Voltri, Pra', Pegli, Vesima, Tursi promette: «35 milioni per il restyling del Ponente»

Recupero di alloggi di edilizia residenziale, interventi su scuole, rivi, torrenti, spiagge e scogliere, riqualificazione di impianti sportivi: ecco il piano del Comune per il Municipio

Lavori sulla spiaggia di Voltri

Dalla messa in sicurezza delle scogliere di Vesima e della passeggiata di Voltri al restyling della piscina Mameli passando per la riqualificazione dell’impianto sportivo Nico Sapio e il sottopasso di via Pacoret, teatro di frequenti allagamenti a ogni acquazzone: il Comune di Genova annuncia un investimento da 35 milioni di euro da destinare al territorio del Municipio Ponente, fondi suddivisi tra opere già avviate, altre programmate e altre ancora in fase di avviamento delle gare di appalto.

Municipio Ponente, le opere in programma

Per Voltri, il Comune ha previsto 2 milioni di stanziamenti per interventi sulle scogliere di Vesima, ripascimenti delle spiagge e rimozione di manufatti. La demolizione dei manufatti è stata ultimata, mentre sono in corso ripascimenti e rifiorimento scogliere. Un altro milione e mezzo è destinato ai lavori sulla spiaggia di Voltri, tra ripascimenti, interventi sulle scogliere e ripristino della passeggiata (quest’ultima operazione è stata ultimata).

Altri 4 milioni e mezzo sono destinati invece al restyling della piscina “Nicola Mameli”, con lavori che partiranno a gennaio e che dureranno complessivamente due anni.

A Prà, invece, è in fase di avvio la gara di appalto che porterà alla riqualificazione dell’ex stazione: un milione di euro è la somma prevista dal piano, 400mila per gli interni, 600mila per i prospetti. Altri 2 milioni sono destinati invece alla riqualificazione dell’area in sponda sinistra del rio San Michele, destinata ad ospitare la nuova sede delle cooperative di pescatori professionisti “interferiti” dal nuovo sfocio del rio Molinassi. I lavori partiranno nell’ottobre del 2020 e dureranno 10 mesi.

A Pegli, 3,4 milioni di euro stanziati per il ponte di via Martiri della libertà e per il ponte Nicolaj, mentre 2 milioni e 250mila euro sono destinati al completamento e al restauro e risanamento conservativo della passeggiata, nel tratto da castello Vianson a largo Calasetta: i lavori partiranno nel maggio del prossimo anno.

A Multedo è previsto, nella primavera del 2020, l’avvio dei lavori per la riqualificazione dell’impianto polisportivo Nico Sapio, un investimento di 4 milioni e 800mila euro. Il progetto comporta la completa ristrutturazione dell’impianto esistente con un incremento volumetrico necessario sia per la ricostruzione sopraelevata della copertura al fine di raggiungere i requisiti dimensionali necessaria all’area di gioco per la pallacanestro e la pallavolo, sia per la realizzazione di una nuova area per gli spalti e per l’accesso del pubblico comprensiva dei relativi servizi per una capienza pari a circa 135 spettatori. La soluzione progettuale sviluppata consentirà l’inserimento anche di altre attività ludico-sportive come il fitness e la ginnastica, con la creazione di un’area dotata di accesso, spogliatoi e servizi propri.

Altri 200mila euro sono invece destinati alla messa in sicurezza del sottopasso di via Pacoret, a ricorrente rischio allagamenti e dunque di chiusura. I lavori partiranno a febbraio del 2020, e prevedono la realizzazione di una stazione di pompaggio.

Edilizia pubblica e rivi, la roadmap del Comune

Tursi ha deciso di investire anche nel recupero degli alloggi di edilizia residenziale pubblica grazie all’attuazione degli accordi quadro. A Voltri sono in corso lavori per il recupero di 26 appartamenti, mentre sono in programma interventi su altri 16. Di un milione e 290mila euro l’importo totale. Altri 2 milioni e 796mila euro sono poi destinati al recupero, in corso, di 110 alloggi in via Novella e via Quasimodo. Sono in corso anche i lavori di recupero delle facciate delle “Lavatrici”, mentre sono in fase di progettazione quelli sui passaggi pedonali in via Novella e i porticati sempre delle “Lavatrici”.

Proseguono inoltre le opere per la pulizia e la manutenzione di rivi e torrenti. Ultimata la pulizia del torrente Varenna presso Carpenara e della parte bassa del torrente Branega, sono in corso i lavori su rio Marotto nel tratto a cielo aperto di viale Villa Galavotti, la rimozione del materiale nel rio Cantarena, la pulizia della vasca di decantazione del “colatore” presso via Assarino. Previsti a partire dai prossimi giorni interventi sul torrente Leiro, sul Varenna nel tratto in località Tre Ponti e il ripristino dell’argine sinistro del rio Pila presso via delle Fabbriche. 

Il più significativo, in termini di investimento (1 milione e 800mila euro) è l’adeguamento idraulico del torrente Varenna in località San Carlo di Cese: si tratta del 2° lotto e siamo in fase di approvazione dell’iter.

È pari a un milione di euro, infine, l’impegno destinato alle scuole, che va a coprire interventi di messa in sicurezza e somme urgenze, principalmente con lavori di rifacimento e manutenzione straordinaria di soffitti e controsoffitti e di accessibilità. Quasi la metà della somma verrà impegnata per il consolidamento delle volte della scuola Dante Alighieri.

«Anche per il Ponente – ha detto l’assessore Pietro Piciocchi – stiamo procedendo con un piano che ci permetta di intervenire più sulla programmazione che sull’urgenza, con un lavoro ad ampio raggio che affianchi opere strategiche a piccoli, ma importanti interventi di prevenzione, soprattutto a salvaguardia di un territorio con molte debolezze. Vorrei sottolineare l’impegno che stiamo dedicando per la riqualificazione degli impianti sportivi e di altre aree importanti per la loro valenza di spazi di aggregazione. È, questa, un’azione su cui puntiamo fermamente perché crediamo che la rivitalizzazione del Ponente, con le specificità di ogni suo quartiere, passi attraverso la valorizzazione della sua identità economica e culturale».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in centro storico, bimba di tre anni muore cadendo dalla finestra

  • Precipita da un viadotto sull'A26 per fare pipì, gravissimo in ospedale

  • Intossicazione da monossido, morte madre e figlia

  • Orche in porto, i timori di un gruppo di esperti: «Il piccolo sta morendo»

  • È morto Carlo Biondi, figlio di Alfredo

  • Orche "superstar", nuovo avvistamento in porto: «Spettacolo mozzafiato»

Torna su
GenovaToday è in caricamento