Tragedia al Lagaccio, bimba di 40 giorni trovata morta in culla

La piccola è stata trovata dagli zii, cui era stata affidata per la serata: purtroppo tutti inutili i tentativi di rianimarla

Una famiglia e un intero quartiere sono in lutto dopo la morte di una bimba di appena 40 giorni avvenuta mercoledì in un appartamento di via Avezzana, nel quartiere genovese del Lagaccio.

A chiamare i soccorsi, intorno alle 23.30 di mercoledì, sono stati gli zii, cui la piccola era stata affidata: è stata proprio la coppia a metterla nella culla per la notte dopo la poppata e ad andare a controllarla dopo qualche ora, notando subito che non respirava più. Immediata la chiamata al 112, ma quando i medici sono arrivati nell’appartamento per la neonata non c’era purtroppo ormai più nulla da fare.

L’ipotesi più probabile è che si sia trattato di un episodio di morte in culla, ma il pubblico ministero, come da procedura, ha aperto un fascicolo e disposto l’autopsia per accertare le cause. Sul corpicino non c’era alcuna segno di violenza, la casa era in perfetto ordine e dalle testimonianze è risultato che la piccola era accudita con la massima attenzione. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Orrore a San Fruttuoso: drogata dalla madre e violentata dal patrigno

  • Cronaca

    Il sindaco Bucci al Campasso tra smarino, cantieri e mercato ovoavicolo

  • Cronaca

    Morandi, sopravvissuto al crollo smonta tesi difensiva di Autostrade

  • Cronaca

    Vigili aggrediti da venditori abusivi, si riaccende il dibattito sulla sicurezza

I più letti della settimana

  • Morandi, sopravvissuto al crollo smonta tesi difensiva di Autostrade

  • Segregata e violentata in casa, quattro arresti

  • Cake Star arriva Genova, chi sarà il miglior pasticcere della città?

  • Gli sequestrano il furgone, minaccia di gettarsi dal Ponte Monumentale. Interviene il sindaco Bucci

  • Maglioni e sciarpe per i senzatetto, a Sestri Ponente spunta il muro della gentilezza

  • Salvo lo storico pastificio Moisello: «Prima la ristrutturazione, poi un nuovo progetto»

Torna su
GenovaToday è in caricamento