Giovani, atletiche e ladre: tre arresti a Lagaccio

Gli agenti di una volante della questura hanno notato il terzetto di donne che osservava con insistenza gli appartamenti ai piani bassi in via Almeria. Poco dopo le tre ladre sono entrate in azione e sono state arrestate

La costante presenza sul territorio e l'azione di pattugliamento delle volanti della polizia ha consentito di effettuare ieri mattina il terzo arresto in tre giorni di autori di furti in abitazione.

Dopo i tre albanesi sorpresi la notte tra sabato e domenica a Cornigliano con in macchina la refurtiva di un furto appena consumato in un'abitazione di Pegli e il cittadino albanese arrestato domenica sera dopo che con un complice aveva appena visitato quattro abitazioni di salita degli Angeli, ieri mattina è stata la volta di 3 giovani rom, sorprese mentre tentavano di accedere agli appartamenti ai piani bassi di via Almeria. Sale così a 7 il computo dei ladri assicurati alla giustizia.

Erano da poco passate le 10 quando gli agenti di una volante della questura hanno notato il terzetto di donne che osservava con insistenza gli appartamenti ai piani bassi. Le tre hanno imboccato una scala che conduce in via Ugo Bassi, così i poliziotti hanno deciso di proseguire la marcia per procedere al controllo quando queste fossero arrivate in via Ugo Bassi.

Non vedendole però arrivare, gli operatori hanno deciso di andar loro incontro giù per le scale, dove hanno sorpreso una delle donne a cavalcioni di un muretto, da cui avrebbe potuto facilmente raggiungere le finestre di un’abitazione o il cortile di uno studio medico.

Le altre due si erano invece collocate in posizioni defilate, da dove hanno dato l’allarme all’arrivo degli uomini in divisa, facendo battere in ritirata la loro complice acrobata. Le tre giovani sono state fermate e identificate come rom di 18, 20 e 22 anni, queste ultime con numerosi precedenti penali e denunce per reati contro il patrimonio.

La 20enne, sorpresa a cavalcioni sul muro, è stata trovata in possesso di un piccolo kit del perfetto scassinatore, costituito da un paio di pinze, delle forbici, una lastra di plastica utilizzata solitamente per aprire le serrature senza mandata, una torcia elettrica e due paia di guanti.

Arrestate per tentato furto in abitazione in concorso con arnesi atti allo scasso, le tre donne sono state giudicate stamattina per direttissima.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, c'è un secondo caso alla Spezia

  • Apre nuovo centro per anziani a Genova, 50 assunzioni

  • Schianto mortale a Pra', lutto per la scomparsa di Luca

  • Coronavirus, altri casi in Liguria: sono 16 in totale

  • Curiosità sui quartieri di Genova: perché Quarto e Quinto si chiamano così?

  • Coronavirus, guardia alta anche in Liguria: la Regione attiva sindaci e medici di famiglia

Torna su
GenovaToday è in caricamento