Ubriaco, "beccato" con soldi falsi e coltello dopo avere razziato un'auto

L'uomo, un 36enne, ha provato a comprare un pacchetto di sigarette con una banconota falsa proveniente da una mazzetta da 500 euro. Fermato dalla polizia, aveva con sé anche una lama da 8 cm e oggetti rubati da una macchina

Ha provato a comprare un pacchetto di sigarette con una banconota falsa da un tabaccaio di via Buozzi, a Di Negro, ma è stato scoperto dal titolare e poi fermato dalla polizia, che gli ha trovato addosso una mazzetta di banconote da 500 euro palesemente false e un coltello a serramanico, insieme con alcuni oggetti rubati da un’auto che portava con sé in un sacchetto di plastica.

Protagonista dell’episodio un 36enne di origini algerine, che ha attirato l’attenzione del gestore della tabaccheria anche per l’evidente stato di ubriachezza. I poliziotti l’hanno fermato poco distante dal negozio, e oltre al coltello e alle banconote con su scritto "fac simile" hanno sequestrato un libretto di circolazione di un’auto, l’autoradio, un giubbotto catarifrangente, una tendina parasole, diversi caricabatteria e due paia di occhiali da sole. 

Attraverso la carta di circolazione la polizia è riuscita a risalire alla proprietaria della macchina, che è corsa a verificarne lo stato trovando i finestrini rotti e gli interni razziati. L’uomo, già sottoposto alla misura d obbligo di firma per una condanna per spaccio, è stato quindi arrestato.

Potrebbe interessarti

  • Perché San Giovanni Battista è il patrono di Genova?

  • La leggenda dell'isola di Bergeggi

  • Ristoranti, vita notturna e shopping: così il Guardian promuove Genova

  • La leggenda del ponte dei suicidi a Carignano

I più letti della settimana

  • Alla Fiumara apre un nuovo negozio

  • Cibo mal conservato, chiuso ristorante

  • Accoltella un uomo alla gola, fermato da poliziotta "cintura nera"

  • Perché San Giovanni Battista è il patrono di Genova?

  • La leggenda dell'isola di Bergeggi

  • Pedone investito in via Gramsci, traffico bloccato

Torna su
GenovaToday è in caricamento