Il biodigestore a Isola del Cantone non si farà

L'annuncio è arrivato dal sindaco della cittadina sul torrente Scrivia. Il progetto aveva suscitato grandi proteste in tutta la valle

«Il biodigestore sicuramente non verrà realizzato perchè non esistono più le condizioni affinchè il progetto vada avanti». A dirlo, o meglio scriverlo nero su bianco in una lettera, è il sindaco di Isola del Cantone, Giulio Assale.

Il Comune di Isola del Cantone ha intrapreso una battaglia per opporsi alla realizzazione di un biodigestore nel proprio territorio comunale da parte di una società privata, trovando validi alleati nell'amministrazione di Arquata Scrivia, nella gente comune e nel comitato di cittadini riuniti nell'Associazione Isolese Ambientalista.

Alcuni dei cittadini residenti hanno addirittura acquistato una porzione di terreno interessato al progetto per opporsi alla realizzazione dello stesso. Dopo l'approvazione della Valutazione d'Impatto Ambientale da parte della Regione è pervenuta dalla stessa una presa d'atto delle numerose istanze con le quali si era portato all'attenzione la problematica dei suoli.

Con il passaggio della proprietà dei terreni interessati dal progetto in mani non interessate allo stesso, ma ad altra attività più compatibile è arrivato l'ultimo tassello per avere la certezza che il biodigestore sicuramente non verrà realizzato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I ristoranti di Genova proposti dalla Guida Michelin 2020

  • Coronavirus, c'è un secondo caso alla Spezia

  • Apre nuovo centro per anziani a Genova, 50 assunzioni

  • Referendum per il taglio dei parlamentari: come e quando si vota

  • Coronavirus, guardia alta anche in Liguria: la Regione attiva sindaci e medici di famiglia

  • Pentema diventa un set per il film "Mondi Paralleli"

Torna su
GenovaToday è in caricamento