Giallo in sopraelevata: identificata la ragazza abbandonata

Dopo l'identificazione dello scooterista che venerdì sera ha abbandonato la sua compagna ferita sulla sopraelevata, adesso si conosce anche l'identità della ragazza: Arianna Ferrari. I due sono stati nella stessa comunità di recupero a La Spezia

Era caduto dallo scooter sulla sopraelevata, abbandonando la sua compagna sull'asfalto in gravissime condizioni. Poco dopo, un ragazzo di 30 anni residente a Genova ma originario di La Spezia ferma un'ambulanza a Sampierdarena chiedendo di essere curato: ha ferite sul volto e sulle braccia, e chiede notizie della fidanzata di cui non sa più nulla, caduta dal suo scooter. Nel frattempo, poco lontano, viene ritrovato uno scooter rubato con un casco.

Saranno gli inquirenti a dover riordinare i tasselli del puzzle per vedere se è stato proprio il ragazzo spezzino - unico sospettato - ad abbandonare la ragazza sull'asfalto della sopraelevata venerdì sera, e per capire come siano andate veramente le cose. Molto probabilmente si risalirà al test del dna per vedere se i capelli trovati nel casco rubato sono proprio quelli del 30enne.

Intanto è stata identificata la passeggera, ricoverata in condizioni gravissime in ospedale: è Arianna Ferrari, 28 anni, anche lei spezzina. Tra l'altro, scavando nel passato dei due ragazzi, gli inquirenti hanno scoperto che si conoscono bene, sono stati nella stessa comunità di recupero di La Spezia, e probabilmente erano legati sentimentalmente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, c'è un secondo caso alla Spezia

  • Apre nuovo centro per anziani a Genova, 50 assunzioni

  • Coronavirus, altri casi in Liguria: sono 16 in totale

  • Referendum per il taglio dei parlamentari: come e quando si vota

  • Schianto mortale a Pra', lutto per la scomparsa di Luca

  • Curiosità sui quartieri di Genova: perché Quarto e Quinto si chiamano così?

Torna su
GenovaToday è in caricamento