Testacoda in autostrada per Enrico Ruggeri

«Tutto sommato dopo 400 metri di testa coda su un viadotto la macchina non è neanche messa così male», così il cantante, che ha postato sui social network la foto della Maserati, reduce dall'incidente in autostrada nei pressi di Savona

Foto dal profilo Instagram di Ruggeri

Una valanga di commenti affettuosi sta raccogliendo la foto, postata sui social network dal cantante milanese Enrico Ruggeri, che ritrae la sua Maserati dopo un incidente, avvenuto sull'autostrada A10 in direzione Ventimiglia, poco prima di Savona.

Al volante non c'era Ruggeri ma un suo amico. Il cantante era a bordo insieme a due sue collaboratrici. «Tutto sommato dopo 400 metri di testa coda su un viadotto la macchina non è neanche messa così male - scrive il cantante -. Evidentemente non era il momento. Grazie a chi era al volante e a qualcuno in alto che ha evitato che il guard rail cedesse».

Nessuna delle quattro persone a bordo è rimasta ferita. Il cantante e il suo entourage erano diretti a Sanremo dove fra pochi giorni prende il via il festival della canzone italiana.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Scontri per il comizio di CasaPound, infuria la polemica. Bucci: «Strumentalizzazioni»

  • Cronaca

    Code ai varchi portuali e incidenti, ripercussioni anche sulle autostrade

  • Cronaca

    Ingerisce 87 ovuli di eroina, corriere della droga tradito dal nervosismo

  • life

    Fridays for Future, corteo per le vie del centro

I più letti della settimana

  • Costa Crociere assume, 300 posti disponibili a bordo: come partecipare alle selezioni

  • Genoa: incubo retrocessione, tutti i calcoli per la salvezza

  • «Eroe, ci mancherai»: domani i funerali di Andrea. A Marassi serrande abbassate

  • Forte odore di marijuana nelle scale del palazzo, i carabinieri bussano alla porta

  • Incidente a Genova Est, cinque feriti

  • Serie A ultima giornata: cambiano gli orari di Fiorentina-Genoa e Samp-Juve

Torna su
GenovaToday è in caricamento