Greenpeace, la protesta nei supermercati contro l'olio di palma

Blitz dei volontari nei negozi che vendono prodotti che utilizzano l'olio che sta causando la deforestazione

La protesta dei volontari di Greenpeace entra nei supermercati. Sabato mattina gli attivisti hanno lasciato tra gli scaffali dei messaggi con scritto "Basta olio di palma che distrugge le foreste".

L'iniziativa vuole promuovere un consumo responsabile dell'olio di palma responsabile, secondo l'associzione ambientalista, della deforestazione. Il messaggio è diretto a Mondelēz - fanno sapere da Greenepeace - per chiedere il rispetto da parte della multinazionale statunitense dell’impegno preso nel 2010, ovvero l’eliminazione dalla propria filiera dei fornitori che producono olio di palma a discapito delle foreste e dei diritti umani, entro il 2020».

Mondelēz, nota a livello internazionale per il marchio Oreo, ha acquistato olio di palma da 22 fornitori responsabili di aver distrutto, tra il 2015 e il 2017, oltre 70mila ettari di foresta pluviale (un’area grande quasi tre volte l’Isola d’Elba) e accusati di sfruttamento del lavoro minorile, dei diritti dei lavoratori, di deforestazione illegale, incendi dolosi e accaparramento di terre.

A Genova i volontari di Greenpeace hanno anche fatto volantinaggio informativo in via Lomellini per suggerire ai cittadini quanto ognuno di noi possa fare per l'ambiente. 

«Le foreste pluviali sono i polmoni del Pianeta. La coltivazione indiscriminata di palme da olio sta causando l’estinzione di specie uniche e alimenta una crisi climatica che ha impatti globali. Mondelēz deve smettere immediatamente di acquistare olio da commercianti e produttori che continuano a deforestare e violare i diritti umani - spiega Martina Borghi della campagna Foreste di Greenpeace Italia - se le grandi multinazionali non riescono a trovare abbastanza olio di palma prodotto responsabilmente, dovranno iniziare a utilizzarne meno. Qualche merendina non può valere l’estinzione degli oranghi».

Potrebbe interessarti

  • La triste leggenda del costruttore della Lanterna

  • La curiosità: la moglie di Oscar Wilde è sepolta a Genova

  • La leggenda dei sabba delle streghe tra Mignanego e Savignone

  • Il fantasma "maleducato" delle Mura dello Zerbino

I più letti della settimana

  • Weekend lungo di Ferragosto a Genova e provincia: fuochi d'artificio, sagre, cultura e tanto altro

  • La curiosità: la moglie di Oscar Wilde è sepolta a Genova

  • Scossa di terremoto avvertita anche in Liguria

  • Bambino investito da una moto, grave al Gaslini

  • Pensionata scomparsa da Sampierdarena, ritrovata dopo 24 ore di ricerche

  • Litigio tra ubriachi sulla spiaggia di Voltri, paura tra i bagnanti

Torna su
GenovaToday è in caricamento