Una palestra per portare avanti il sogno di Gomez

A un anno dalla scomparsa di José Evaristo Gomez, pugile argentino molto conosciuto anche per la sua pizzeria nel quartiere di Marassi, la sua palestra non ha più una sede stabile, elemento indispensabile per proseguire il sogno del campione

«Gomez aveva un sogno, che voglio portare avanti». Così si potrebbe riassumere quello che ci ha raccontanto Matteo, un nostro affezzionato lettore, a cui José Evaristo Gomez, noto pugile degli anni '70, famoso a Genova anche per la sua pizzeria di Marassi, ha fatto da padre.

A un anno di distanza dalla scomparsa del pugile argentino vice campione del mondo dei pesi massimi, Matteo sta cercando di portare avanti la sua palestra. «Prima era sotto lo stadio e lo è stata per tantissimi anni - racconta Matteo -. Al momento da presidente dell'associazione sto affittando una palestra a 240 euro al mese per tre giorni alla settimana, ma meriterebbe una realtà più solida questo suo sogno. Vorrei parlare al cuore della gente che può fare qualcosa».

«In lui - continua Matteo - ho visto l'amore per il suo sport, il pugilato, e poco prima di ammalarsi ha dato il nome alla palestra dei suoi sogni, la Gomez & Costantino boxing club, di cui mi ha fatto presidente, e mi ha chiesto di prendermi cura di questo suo sogno, che voleva continuasse. Lui ha avuto la palestra sotto la gradinata Nord con Tano Costantino ma poi le società Genoa e Samp hanno voluto comprare i fondi dove era situata la palestra e mantenere il suo sogno sta diventando un combattimento difficile. Con il bene che gli voglio e con tutto il mio cuore desidero che il sogno vada avanti. Anche se sono all'angolo non voglio andare giù. Al momento con i suoi fedeli tecnici amici del passato stiamo affittando a ore delle palestre, ma la realtà messa in questo modo non so quanto potrà resistere».

Purtroppo a Genova gli spazi adatti ad allestire una palestra per la boxe sono piuttosto limitati, ma ci sono. Dunque chi può fare qualcosa per dare modo a Matteo di portare avanti il sogno di Gomez, ci contatti e noi faremo da tramite. Lo sport, la boxe in particolare, insegnano a formare il carattere, permettono ai giovani di sentirsi parte di un qualcosa, di crescere seguendo sani principi. Le istituzioni per prime, le federazioni, devono mettere in campo le risorse perché questo continui. In mancanza d'altro, ci si affida alle persone di buon cuore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in via Siffredi, il giallo sulla morte di Burim

  • Addio a Giovanni Filocamo, è morto il "matematico curioso"

  • Le "meraviglie" di Alberto Angela, cosa si è visto

  • Costa Crociere assume, 700 posizioni aperte

  • Travolto da un treno sulla Milano-Pavia, muore 26enne

  • Morta per droga a 16 anni, confermata in Cassazione la condanna per il fidanzato

Torna su
GenovaToday è in caricamento