Chiusura Giugiaro: l'azienda manda tir per spostare l'attrezzatura, i lavoratori li bloccano

Ennesimo tentativo da parte della ditta di portare avanti le operazioni propedeutiche alla chiusura dello stabilimento di Bolzaneto. I sindacati: «La promessa era di aspettare l'incontro in Comune»

Continua la protesta dei lavoratori Giugiaro dopo la decisione, da parte dei vertici dell’azienda, di spostare l’attività a Verona. In mattinata un tir e un camion sono arrivati davanti allo stabilimento di Bolzaneto per caricare altre attrezzature in vista del trasloco, ma da parte dei lavoratori è arrivato il rifiuto a collaborare e alla fine i veicoli  sono ripartiti vuoti.

«L’azienda ci aveva promesso che non avrebbe preso altri provvedimenti prima dell’incontro fissato per venerdì in Comune alla presenza dell’assessore Vinacci -  conferma Alessandro Tanda di Jim Cisl - Invece nella serata di martedì ci è stato comunicato che sarebbe arrivato un camion per spostare alcuni macchinari. Abbiamo subito chiarito che avremmo fatto di tutto per impedirlo, e così abbiamo fatto. I lavoratori avrebbero dovuto in prima persona mobiliare i macchinari, ma si sono rifiutati, mandando un messaggio ben preciso».

La “palla”, adesso, passa nelle mani di Tursi e dell’assessorato al Bilancio: la speranza è che la mediazione di Vinacci possa contribuire a far cambiare idea all’azienda, salvaguardando il posto di lavoro di 32 persone. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La vertenza Giugiaro era iniziata cominciata circa a inizio febbraio, quando l’azienda aveva annunciato l’intenzione di ridurre l’attività dello stabilimento di Bolzaneto per trasferirsi in un nuovo e più ampio spazio nel veronese. Inizialmente i vertici avevano assicurato che parte dell’attività produttiva sarebbe però rimasta a Genova, una promessa smentita dall’avvio della procedura di licenziamento collettivo e dal trasferimento di attrezzature e macchinari. Lo scorso 1 marzo i lavoratori avevano partecipato all’ennesimo incontro con l’amministratore unico Alberto Fumagalli, che si era chiuso con un nulla di fatto.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in via Siffredi, muore ventenne

  • Schianto in moto a Nervi, muore ragazza di 18 anni

  • Sestri Levante: massacrato dal branco per un telefono cellulare

  • Schianto in via Siffredi: addio a Simone, seconda giovanissima vittima in due giorni

  • La 'movida' violenta di Priaruggia, residente aggredito da ragazzini ubriachi

  • Sampierdarena, ubriachi devastano un locale e minacciano di morte il proprietario

Torna su
GenovaToday è in caricamento