Condanne spese pazze, "salta" il neo sindaco di Cogorno

Gino Garibaldi è stato eletto domenica 26 maggio, e giovedì mattina è stato condannato a 2 anni e 10 mesi di reclusione nel primo grado del processo

Ha fatto appena in tempo a giurare dopo la sua elezione a sindaco, che Gino Garibaldi è costretto a cedere la poltrona di primo cittadino di Cogorno alla vice sindaco, Enrica Sommariva.

Garibaldi, infatti, è stato condannato insieme con altri ex consiglieri regionali nell'ambito del processo sulle spese pazze in Regione, e sulla base della legge Severino scatta in automatico la sospensione: per lui una condanna a 2 anni e 10 mesi di reclusione. Eletto con le votazioni di domenica 26 maggio, Garibaldi aveva giurato a tempo record e nominato una nuova giunta, convocando anche un consiglio comunale "lampo" per mercoledì sera.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le funzioni di sindaco passano dunque ora in mano a Sommariva per un anno, prima di procedere con le elezioni anticipate. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cade nel fiume e batte la testa, muore nel trasporto in ospedale

  • Spesa da 150 euro all'Ipercoop, ma cerca di uscire pagandone solo 10

  • Le Frecce Tricolori martedì a Genova: quando e da dove vederle

  • L'uomo più anziano della Liguria compie 108 anni

  • Incidente in Sopraelevata, grave scooterista: traffico bloccato

  • Coronavirus, solo 17 nuovi contagi nelle ultime ore

Torna su
GenovaToday è in caricamento