Condanne spese pazze, "salta" il neo sindaco di Cogorno

Gino Garibaldi è stato eletto domenica 26 maggio, e giovedì mattina è stato condannato a 2 anni e 10 mesi di reclusione nel primo grado del processo

Ha fatto appena in tempo a giurare dopo la sua elezione a sindaco, che Gino Garibaldi è costretto a cedere la poltrona di primo cittadino di Cogorno alla vice sindaco, Enrica Sommariva.

Garibaldi, infatti, è stato condannato insieme con altri ex consiglieri regionali nell'ambito del processo sulle spese pazze in Regione, e sulla base della legge Severino scatta in automatico la sospensione: per lui una condanna a 2 anni e 10 mesi di reclusione. Eletto con le votazioni di domenica 26 maggio, Garibaldi aveva giurato a tempo record e nominato una nuova giunta, convocando anche un consiglio comunale "lampo" per mercoledì sera.

Le funzioni di sindaco passano dunque ora in mano a Sommariva per un anno, prima di procedere con le elezioni anticipate. 

Potrebbe interessarti

  • La curiosità: la moglie di Oscar Wilde è sepolta a Genova

  • Il compositore Richard Wagner: "Non ho mai visto nulla come Genova"

  • Cenare sulla spiaggia: 4 ristoranti a Genova e dintorni per mangiare a due passi dalle onde

  • La leggenda dei sabba delle streghe tra Mignanego e Savignone

I più letti della settimana

  • Tragedia a Busalla, donna incinta trovata morta in casa

  • Superenalotto, in Liguria un'altra vincita

  • Assalto al pulmino della gita per riprendersi il figlio

  • Il compositore Richard Wagner: "Non ho mai visto nulla come Genova"

  • Pensionata scomparsa da Sampierdarena, ritrovata dopo 24 ore di ricerche

  • Cenare sulla spiaggia: 4 ristoranti a Genova e dintorni per mangiare a due passi dalle onde

Torna su
GenovaToday è in caricamento