Furti in città, i ladri rubano preziosi strumenti musicali

Tre interventi di furto per le volanti della polizia ieri, lunedì 27 agosto 2012. In via Ceccardi denunciata la sparizione di preziosi strumenti musicali. Gli altri appartamenti visitati dai ladri in via Piave e in salita delle Fieschine

Genova - Una volante della polizia è intervenuta per una constatazione di furto in un’abitazione di via Piave. Sul posto la richiedente ha dichiarato che, tornata dalla ferie, ha trovato il pannello della porta d’ingresso sfondato e l’interno dell’abitazione messa a soqquadro. Gli operatori intervenuti hanno ritenuto necessario l’intervento della polizia Scientifica per effettuare rilievi più accurati. Nell’immediatezza la proprietaria non ha potuto quantificare l’entità del furto, motivo per cui è stata invitata a redigere un inventario da presentare in sede di denuncia.

Secondo intervento per le volanti in via Ceccardi, dove la portinaia dello stabile e suo marito tornati dalle ferie constatavano che durante la loro assenza ignoti si erano introdotti nel loro appartamento allo scopo di rubare. La porta di ingresso risultava forzata presentando una spaccatura al muro, ma nell’appartamento non vi era particolare disordine. I proprietari dichiaravano l’ammanco di oggetti in oro per un valore di tremila euro circa, di un pc workstation, di due notebook, di due strumenti musicali del loro figlio che è docente di musica per un valore di circa 12 mila euro e di un violino di valore enormemente superiore, ma non quantificabile poiché il figlio non era presente. Sul posto è stato richiesto l’intervento della Polizia Scientifica per i rilievi del caso, i quali hanno potuto rinvenire delle impronte lasciate presumibilmente dai malviventi.

Terza constatazione di furto per le volanti del Ufficio Prevenzione Generale, dove in salita delle Fieschine una signora di 66 anni ha dichiarato di essersi svegliata intorno alle ore 6.50 per andare in bagno dove ha trovato la finestra spalancata, quindi ha effettuato un controllo in tutta la casa, appurando che ignoti si erano introdotti nel suo appartamento asportando pochi euro contenuti nella borsetta e aprendo i cassetti del comò senza apparentemente rubare nulla. Gli operatori hanno potuto constatare che i malviventi si erano introdotti nell’abitazione scavalcando la recinzione del terrazzo che risultava piegata, mentre la finestra del bagno non risultava forzata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sorbillo apre a Genova: «Pizza gratis per tutti»

  • Intossicazione da monossido, morte madre e figlia

  • Scopre la morte della madre e si uccide gettandosi dal Monoblocco

  • Ucciso il cinghiale "educato" che attraversava sulle strisce guidato dal vigile

  • Le orche non lasciano il porto: «Hanno perso peso». Si cerca il corpo del piccolo

  • Timori e speranze per le orche "genovesi", porto in continuo monitoraggio

Torna su
GenovaToday è in caricamento