Frase su Mussolini nell'ufficio del dirigente dell'Agenzia delle Entrate, è polemica

Una targa con una citazione di un discorso del 1934 è comparsa nell’ufficio di un dirigente della sezione della Fiumara. Cgil e Pd all'attacco

"L'aratro traccia il solco, ma è la spada che lo difende”: la frase fascista pronunciata da Benito Mussolini in un discorso del 1934 è comparsa venerdì mattina nell’ufficio territoriale di un dirigente dell'Ufficio territoriale di Genova 2 dell'Agenzia delle Entrate della Fiumara, a Sampierdarena.

A notarla, in una targa appesa al muro al fianco del ritratto ufficiale del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, sono stati alcuni dipendenti degli uffici: «Si tratta di una grave offesa ai principi di libertà e democrazia sanciti dalla nostra Costituzione, nata dalla lotta di Liberazione antifascista, nel cui alveo agisce la pubblica amministrazione, con il fine di operare per conto dello Stato per rendere esigibili quei principi - è la denuncia la Cgil di Genova- atti simili che, oltre ad offendere i lavoratori ed i cittadini tutti, recano discredito sulla pubblica amministrazione vanno condannati e non si devono piu' ripetere. Sono segno di un'ascendenza politica sconfitta e condannata dalla storia e segnale di ignoranza per quanto tragicamente accaduto durante la dittatura fascista». 

«Auspichiamo - prosegue la Cgil - un immediato intervento dei direttori regionale e provinciale dell'Agenzia delle Entrate».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La stessa richiesta è arrivata dai rappresentanti genovesi del Partito Democratico, che si sono detti «indignati e preoccupati» dall’episodio: «Si tratta della evidente prova di un atteggiamento di sdoganamento e indifferenza verso i rimandi al periodo fascista, che ormai sono sempre più sfacciati ed evidenti. Ricordiamo innanzitutto che l'apologia di fascismo è un reato e quindi riteniamo inaccettabile che in un ufficio pubblico venga appesa in bella mostra una citazione di Mussolini, magari accanto al ritratto del Presidente della Repubblica che rappresenta la nostra Costituzione e i suoi valori antifascisti».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cade nel fiume e batte la testa, muore nel trasporto in ospedale

  • Spesa da 150 euro all'Ipercoop, ma cerca di uscire pagandone solo 10

  • L'uomo più anziano della Liguria compie 108 anni

  • Incidente in Sopraelevata, grave scooterista: traffico bloccato

  • Coronavirus, solo 17 nuovi contagi nelle ultime ore

  • Coronavirus, Gimbe: «Contagio non è sotto controllo in Liguria, Lombardia e Piemonte»

Torna su
GenovaToday è in caricamento