Sale sul cornicione e minaccia di buttarsi, salvata da un giovane carabiniere

Una donna è stata vista camminare sul cornicione di un palazzo in via Pareto: dopo una lunga trattativa, un militare è riuscito a convincerla a tornare al sicuro

Una lunga trattativa, quasi un'ora di conversazione a cuore aperto sull'orlo del baratro, con un carabiniere che le ha provate tutte pur di convincere la donna che aveva davanti a lasciare il cornicione su cui era salita e a tornare al sicuro sul terrazzo. Riuscendoci, alla fine, e scambiando con lei un lungo abbraccio liberatorio.

Tutto è successo domenica mattina in via Lorenzo Pareto, alla Foce: una chiamata al 112 segnalava la presenza di una donna sul cornicione di un palazzo, all'ultimo piano, senza però specificare il civico. Sul posto sono state quindi inviate diverse pattuglie dei carabinieri insieme con i vigili del fuoco, che alla fine sono riusciti a individuare il palazzo, avvistando effettivamente una donna in piedi sul cornicione, pericolosamente vicina al bordo a un'altezza vertiginosa.

I pompieri hanno subito gonfiato il materasso per attutire un'eventuale caduta, mentre alcuni carabinieri sono entrati nel palazzo in cerca dell'appartamento della donna. Arrivati nell'abitazione si sono resi conto che la porta del terrazzo era chiusa, e che per raggiungerla avrebbero dovuto a loro volta passare lungo il cornicione e scavalcare un divisorio.

Si sono quindi arrampicati, e una volta arrivati vicino alla donna, in stato confusionale e apparentemente decisa a lanciarsi da un momento all'altro, un militare ha deciso di provare il tutto per tutto: ha iniziato a parlarle, una conversazione lunga in cui ha delicatamente provato a convincerla a tornare al sicuro. La donna ha più volte cambiato idea nel corso della lunga trattativa, ma alla fine si è convinta. E una volta tornata sul terrazzo, ha abbracciato forte quel carabiniere che non si è dato per vinto, ed è rimasto con lei sino a quando non è riuscito a portarla al sicuro. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, c'è un secondo caso alla Spezia

  • Apre nuovo centro per anziani a Genova, 50 assunzioni

  • Schianto mortale a Pra', lutto per la scomparsa di Luca

  • Curiosità sui quartieri di Genova: perché Quarto e Quinto si chiamano così?

  • Coronavirus, altri casi in Liguria: sono 16 in totale

  • Coronavirus, guardia alta anche in Liguria: la Regione attiva sindaci e medici di famiglia

Torna su
GenovaToday è in caricamento