Poliziotto 'fai da te' denunciato a bordo di una finta volante

Prende la sua utilitaria di colore blu, ci scrive sopra polizia, utilizzando una tinta forte che spicchi bene come il giallo. Poi, gira nel traffico cittadino munito di tesserino similpelle nero, con foto e sigla di un'associazione inesistente

Genova - Prende la sua utilitaria, di un colore classico come il blu, ci scrive sopra il nome polizia, utilizzando una tinta forte che spicchi bene, come il giallo. Poi, gira nel traffico cittadino munito di tesserino similpelle nero, con foto e sigla di appartenenza a una non meglio definita “associazione europea operatori polizia”, corredato da relativa placca.

Risultato: l’uomo, un genovese di 42 anni incensurato, incappa in una volante vera, pantera compresa sulla fiancata, con a bordo un equipaggio della questura, che dopo aver appurato la totale mancanza dei requisiti di legge del poliziotto 'fai da te', quantomeno una nomina a guardia giurata, sequestra l’auto e il materiale simulante funzioni del tutto inesistenti, denunciandolo in tribunale.

Contattato telefonicamente dalla redazione, il presidente della Aeop (Associazione europea operatori polizia), Alessandro Cetti, ha tenuto a difendere il ruolo dell'associazione. Come si legge sul sito, l‘Aeop è un'associazione di volontariato nata nel 1995 a Roma, che svolge attività di Protezione Civile. Come ogni associazione di volontariato è senza scopo di lucro, è una Onlus (Organizzazione non Lucrativa di Utilità Sociale).

Cliccando qui è possibile leggere la replica del presidente dell'Aeop Alessandro Cetti.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La curiosità: perché a Genova ci sono tante finestre dipinte sui palazzi?

  • La curiosità: perché a Genova i numeri civici sono di due colori diversi?

  • Le migliori sagre dell'autunno 2019 a Genova e provincia: dove e quando

  • Piante di marijuana alte due metri, quarantenne nei guai

  • Incidente in porto, tre operai feriti

  • Amt, l'orario invernale porta con sé alcune novità

Torna su
GenovaToday è in caricamento