Bomba a Principe: l'esplosivo potrebbe arrivare dal maxi furto di Moconesi

Le prime indagini effettuate in Valfontanabuona hanno portato all'individuazione di una polvere esplosiva compatibile con quella utilizzata per la costruzione della bomba esplosa in via Balbi lo scorso aprile

Da quanto emerge dalle prime relazioni della polizia il maxi furto di esplosivo di Moconesi, in Valfontanabuona, potrebbe portare a nuovi sviluppi per quanto riguarda un altro fatto di cronaca che ha attirato l'attenzione mediatica genovese nelle ultime settimane: l'esplosione della bomba nei pressi della stazione Principe.

I primi test indicano infatti la presenza di una polvere pirica, tra quelle rubate, compatibile con quella utilizzata per l'esplosione di via Balbi. L'esplosivo è stato sottratto da un deposito posto sotto sequestro giudiziale da parte della polizia nell'ambito di un'idagine che vedeva indagate due persone, i titolare dell'area e un fochino di Rapallo, per detenzione illegale di materiale esplodente. 

Da stabilire la data esatta del furto, soprattutto per stabilire un possibile legame con l'episodio di stazione Principe. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, c'è un secondo caso alla Spezia

  • Apre nuovo centro per anziani a Genova, 50 assunzioni

  • Schianto mortale a Pra', lutto per la scomparsa di Luca

  • Coronavirus, altri casi in Liguria: sono 16 in totale

  • Curiosità sui quartieri di Genova: perché Quarto e Quinto si chiamano così?

  • Coronavirus, guardia alta anche in Liguria: la Regione attiva sindaci e medici di famiglia

Torna su
GenovaToday è in caricamento