Delitto Sampierdarena, autopsia: dieci coltellate al volto e al collo

L'assassino ha massacrato le due vittime con una decina di coltellate al volto e al collo. Gli esami dicono anche che la prima a morire è stata la donna, probabilmente è stata lei a far entrare in casa l'assassino

L’autopsia effettuata ieri sui corpi delle due vittime della strage di Sampierdarena ha stabilito che la donna e il giovane Marcos sono stati massacrati con una decina di coltellate al volto e al collo.

L’esame necroscopico ha evidenziato che la prima a morire sotto i fendenti dell’assassino è stata la donna, solo in un secondo momento è morto il ragazzino, questo probabilmente aiuterà i militari nella ricostruzione di quanto accaduto, Marcos potrebbe essere rientrato da scuola nel momento sbagliato, quando l'assassino era ancora in casa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’ora del delitto potrebbe essere collocata tra le 14 e le 15. L’assassino, secondo una ricostruzione dei carabinieri, ha preso il coltello in cucina e l’ha usato come se fosse un pugnale, colpendo dall’alto in basso. Agli inquirenti quindi appare probabile che la donna conoscesse l’uomo che l’ha massacrata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Passano la notte insieme in albergo, al mattino sul conto di lei mancano 750 euro

  • Tragico schianto in via Merano, muore scooterista

  • Malore fatale in strada, tragedia a Santa Margherita Ligure

  • Coronavirus, nuovo cluster a Busalla: coinvolte due famiglie

  • Meteo: la perturbazione cambia traiettoria, modificati gli orari dell'allerta

  • Ritrovato dopo otto anni un giovane scomparso da Roma

Torna su
GenovaToday è in caricamento