Presunta frase omofoba in Regione, il consigliere De Paoli a processo

 «Se avessi un figlio gay lo brucerei in un forno» la frase incriminata che il consigliere della Lega ha sempre negato di avere detto

Il 9 luglio 2019 è stata fissata l'udienza del processo a carico del consigliere regionale della Lega Giovanni De Paoli, accusato di diffamazione aggravata per aver pronunciato la frase «Se avessi un figlio gay lo brucerei in un forno» a margine di una seduta della commissione regionale sulla famiglia, una frase che De Paoli ha sempre negato di avere detto.

La vicenda risale al mese di febbraio del 2016, a denunciare il consigliere erano stati l'Agedo (Associazione Genitori di Omosessuali) e il Comitato per gli immigrati e contro ogni forma di discriminazione, la cui presidente Aleksandra Matikj ha commentato: «Sono contenta che per questo caso, in seguito al nostro esposto, la Procura di Genova abbia deciso di applicare la Legge Mancino, che prevede l'aggravante per le dichiarazioni razziste anche a quelle omofobe. Il Pubblico Ministero Patrizia Petruzziello ha ritenuto di indagare De Paoli per diffamazione aggravata a causa di quella frase omofoba. Si tratta di un precedente molto importante, è la prima volta in Italia».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I ristoranti di Genova proposti dalla Guida Michelin 2020

  • Due trattorie di Genova tra le migliori in Italia, secondo la classifica di "Repubblica Sapori"

  • Tragedia in via Piacenza: uccide la moglie e si getta dal balcone

  • Coronavirus, Viale: «Negativi i test sulle persone esaminate al San Martino»

  • Pentema diventa un set per il film "Mondi Paralleli"

  • È febbraio ma sembra primavera: a Genova si fa il bagno in mare

Torna su
GenovaToday è in caricamento