Barche senza immatricolazione ormeggiate in Darsena, rimosse

Le imbarcazioni sequestrate, in assenza di reclamo dei beni entro 30 giorni, verranno confiscate e avviate alla demolizione

Questa mattina gli agenti del reparto Giudiziaria della Polizia locale genovese sono intervenuti all'interno della Darsena, dove cinque imbarcazioni erano ormeggiate abusivamente nello specchio acqueo di proprietà del Comune di Genova.

I natanti, tutti sprovvisti di immatricolazione, sono stati sequestrati; l'elenco con la loro descrizione è stato pubblicato sull'Albo Pretorio del Comune di Genova e sul sito della Polizia Locale.

L'assessore alla sicurezza Stefano Garassino ha sottolineato che «l'operazione di questa mattina in Darsena evidenzia l'impegno contro il degrado e l'abusivismo in città, verso cui l'attenzione rimane alta anche se l'impegno della Polizia locale è aumentato in modo esponenziale dopo il crollo del ponte Morandi».

Le imbarcazioni sequestrate, al termine dei 30 giorni successivi alla pubblicazione, in assenza di reclamo dei beni verranno confiscate e avviate alla demolizione, come previsto dalla legge.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • perchè non vendute ad un'asta?

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Sestri: aperta la passerella, nuovo bus per l'aeroporto

  • Economia

    Classifica efficienza dei Comuni italiani, Genova arranca

  • Cronaca

    Centri storico, maxi blitz dei carabinieri contro lo spaccio: 6 arresti

  • Cronaca

    Morandi, prove di demolizione con esplosivo nella cava di Camaldoli

I più letti della settimana

  • Come difendersi dai pesciolini d'argento (e cosa sono)

  • Schianto in moto a Rivarolo, muore 25enne

  • Genoa: incubo retrocessione, tutti i calcoli per la salvezza

  • Costa Crociere assume, 300 posti disponibili a bordo: come partecipare alle selezioni

  • «Eroe, ci mancherai»: domani i funerali di Andrea. A Marassi serrande abbassate

  • Schianto a Rivarolo: choc per la morte di Andrea, si cerca ancora il ladro

Torna su
GenovaToday è in caricamento