Crimini informatici e "hacker", siglato accordo tra polizia Postale e Regione

Scopo dell'intesa, rafforzare le procedure di prevenzione e contrasto dei cosiddetti "cyber crime" nei confronti di aziende pubbliche i cui sistemi informatici custodiscono dati sensibili

Giro di vite ai crimini informatici da parte della Polizia Postale, che proprio oggi ha siglato con la Regione un accordo finalizzato proprio alla prevenzione e al contrasto di questa tipologia di reati.

L’intesa è stata firmata da Giorgio Bacilieri, dirigente del Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni per la Liguria, e da Francesco Pensalfini, dirigente del Settore Informatica della Regione Liguria: obiettivo, rafforzare i sistemi di prevenzione e sicurezza dei sistemi informatici di interesse pubblico che gestiscono dati sensibili attraverso l’unificazione delle procedure di intervento e lo scambio di informazioni e competenze. 

Fronte comune, insomma, per far fronte comune contro un tipo di crimine sempre più frequente e insidioso, anche dal punto di vista della matrice terroristica. Gli obiettivi sino a oggi identificati come sensibili sul territorio sono l’Agenzia Regionale Sanitaria, le Asl, le amministrazioni comunali e le agenzie regionali con competenza in materia di ambiente, lavoro, servizi digitali, turismo, edilizia e sviluppo economico, i cui sistemi informatici custodiscono banche dati da proteggere con particolare attenzione. 

Il nuovo protocollo d’intesa dà dunque il via a una collaborazione basata su una strategia di “condivisione” - dalle informazioni alle competenze, passando per gli esperti - che sfrutterà le ultime innovazioni tecnologiche e personale specializzato nel contrasto al cyber crime, in particolare il cyber terrorismo e lo spionaggio industriale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Già da tempo la polizia svolge, in via esclusiva, una serrata attività di prevenzione e repressione dei crimini informatici, operando tramite il Centro Nazionale Anticrimine Informatico per la Protezione delle Infrastrutture Critiche del Servizio Polizia (C.N.A.I.P.I.C.), che opera sia a livello locale sia a livello nazionale. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Basilico in esubero per chiusura ristoranti, le aziende agricole organizzano la consegna a domicilio

  • Coronavirus: la curva rallenta, ma i contagiati sono oltre 2.000 e i morti 254

  • Coronavirus, i numeri tornano a crescere in Liguria: 2.226 i positivi, 26 nuovi decessi

  • Coronavirus: lieve calo dei nuovi casi dopo tre giornate nere, i morti sono 231

  • Coronavirus, la foto della speranza: intubata per 7 giorni, 27enne migliora e si risveglia

  • Genova, tutte le attività commerciali che sono aperte e che fanno consegna a domicilio

Torna su
GenovaToday è in caricamento