Corvetto, i muri dei sottopassi tornano bianchi: spariscono degrado e murales

I muri dei sottopassi di piazza Corvetto, un tempo ricoperti dagli splendidi murales degli studenti del liceo artistico Paul Klee, ma da anni deturpati e coperti di scritte e "graffiti", sono tornati bianchi

Foto di Giorgio Bertuccio

I muri dei sottopassi di piazza Corvetto, un tempo ricoperti dagli splendidi murales realizzati dagli studenti del liceo artistico Paul Klee, ma da anni deturpati e coperti di scritte e "graffiti", sono tornati bianchi grazie ai lavori effettuati nelle ultime settimane.

Sui social si è aperto il dibattito dei genovesi, tra coloro che sperano che i muri rimangano candidi e privi di disegni e coloro che, invece, avevano apprezzato l'idea di affidarli agli artisti in erba di Genova. Un'idea che risale a metà anni '90 quando vennero effettuati i primi disegni da parte degli studenti guidati dal professor Franco Buffarello e che proseguì per circa 15 anni, colorando una quindicina di sottopassi genovesi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in centro storico, bimba di tre anni muore cadendo dalla finestra

  • Precipita da un viadotto sull'A26 per fare pipì, gravissimo in ospedale

  • Orche in porto, i timori di un gruppo di esperti: «Il piccolo sta morendo»

  • Orche "superstar", nuovo avvistamento in porto: «Spettacolo mozzafiato»

  • È morto Carlo Biondi, figlio di Alfredo

  • Pioggia e neve, prolungata l’allerta su tutta la regione

Torna su
GenovaToday è in caricamento