Maxi carico di alcol denaturato in partenza per la Nuova Zelanda sequestrato in porto

Circa 6mila litri intercettati dall’Agenzia delle Dogane e dalle Fiamme Gialle: verranno consegnati all’ospedale San Martino

Ancora un sequestro di materiale sanitario a Genova in tempi di emergenza da nuovo coronavirus. Questa volta i funzionari del reparto Antifrode dell’Ufficio delle Dogane di Genova e i finanzieri del II Gruppo della Guardia di Finanza hanno intercettato nel porto di Pra’, un carico di alcol denaturato che era pronto per essere esportato in Nuova Zelanda. 

Gli uomini dell’Agenzia delle Dogane e delle Fiamme Gialle hanno bloccato al Psa, circa 6mila litri di alcol etilico non denaturato, che sulla base delle disposizioni del commissario straordinario per l’emergenza Covid-19, Domenico Arcuri, sono stati consegnati immediatamente alla Protezione Civile regionale per la consegna all’ospedale San Martino

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’alcol verrà utilizzato per la produzione di igienizzanti e per supportare l’attività dei sanitari in questo periodo di emergenza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Doppio tampone negativo, torna in Rsa e contagia 29 persone

  • Autostrade, scatta la gratuità del pedaggio su alcune tratte

  • Come distinguere una vipera, e cosa fare in caso di morso

  • Coronavirus, Gimbe: «Contagio non è sotto controllo in Liguria, Lombardia e Piemonte»

  • Trovato senza vita Andrea Calabrese, era scomparso da una settimana

  • Bimba rimane chiusa in auto. Genitori: «È nuova, non sappiamo aprirla»

Torna su
GenovaToday è in caricamento