Busalla, timori per la chiusura del consultorio, Asl rassicura: «Solo temporanea»

Preoccupazione tra i residenti della valle Scrivia per il progressivo impoverimento dei servizi offerti dalla struttura della Asl 3, ma arrivano le rassicurazioni: si chiude per lavori di ristrutturazione

Grande preoccupazione tra i residenti della valle Scrivia per il progressivo impoverimento dei servizi offerti dal consultorio familiare della Asl 3 di piazza Malerba, a Busalla. 

A lanciare l’allarme, temendo una chiusura, sono proprio gli abitanti della valle, che hanno notato come negli ultimi tempi sia sempre più difficoltoso riuscire a prenotare un appuntamento in quello che viene considerato un presidio fondamentale per il supporto sanitario alle famiglie e alle donne.

Il consultorio familiare di Busalla è infatti un polo in cui è possibile prenotare visite e chiedere assistenza in tema di salute sessuale, riproduttiva e psicologica per donne, minori, coppie e famiglie. Ginecologi, pediatri, psicologi, assistenti sanitari, assistenti sociali, ostetriche, educatori professionali e infermieri le figure professionali a disposizione dei residenti della Valle Scrivia, che nelle ultime settimane non sono di fatto riusciti a prenotare appuntamenti.

C’è chi ha chiamato per fissare una visita ginecologica e si è sentito rispondere che per febbraio ancora non c’era calendario, chi invece ha dovuto raggiungere altre strutture nonostante l’appuntamento già fissato a Busalla a causa di lavori di manutenzione previsti nel consultorio. E proprio i lavori sono alla base della chiusura, solo temporanea, del consultorio.

«L'edificio in cui sorgono gli ambulatori di piazza Malerba è di proprietà del Comune di Busalla, avevano necessità di ristrutturazione e l'ente ha investito per avviare gli interventi ottenendo fondi con il Decreto Crescita - spiega Lorenzo Sampietro, direttore socio-sanitario di Asl 3, a GenovaToday - Il consultorio resterà chiuso dal 20 gennaio per tre settimane, sino al 10 febbraio, e al termine di questi lavori i servizi della Asl torneranno assolutamente regolari».

Nelle tre settimane di chiusura verranno potenziati i servizi nelle sedi di Bolzaneto e Pontedecimo per rispondere alle esigenze dei cittadini, ma «chiaramente l’intento è quello di riattivare subito gli ambulatori - conferma Sampietro - che a questo punto saranno anche ristrutturati e migliorati».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, c'è un secondo caso alla Spezia

  • Apre nuovo centro per anziani a Genova, 50 assunzioni

  • Schianto mortale a Pra', lutto per la scomparsa di Luca

  • Coronavirus, altri casi in Liguria: sono 16 in totale

  • Curiosità sui quartieri di Genova: perché Quarto e Quinto si chiamano così?

  • Coronavirus, guardia alta anche in Liguria: la Regione attiva sindaci e medici di famiglia

Torna su
GenovaToday è in caricamento