Terrorismo, in Albaro la commemorazione dei due carabinieri uccisi dalle Br

Il tenente colonnello Emanuele Tuttobene e l’appuntato Antonino Casu vennero uccisi a colpi di pistola la mattina del 25 gennaio 1980 dalle Brigate Rosse

Nella mattinata di sabato 25 gennaio 2019, in via Riboli, il vice comandante della Legione Carabinieri “Liguria”, colonnello Andrea Sagnelli e il comandante provinciale Gianluca Feroce, alla presenza delle massime autorità cittadine, dei familiari dei caduti e di un folto gruppo di studenti, hanno reso omaggio al sacrificio del tenente colonnello dei Carabinieri Emanuele Tuttobene e dell’appuntato Antonino Casu, uccisi in un attentato terroristico il 25 gennaio del 1980 ed entrambi decorati con la Medaglia d’Oro al Valore Civile. Una corona è stata deposta sulla  lapide commemorativa.

Il tenente colonnello Emanuele Tuttobene e l’appuntato Antonino Casu vennero uccisi a colpi di pistola la mattina del 25 gennaio 1980, mentre viaggiavano a bordo dell’auto guidata da Casu su cui un commando di terroristi aprì il fuoco. L’attentato venne in seguito rivendicato dalle Brigate Rosse che rispondevano al genovese Francesco Berardi.

Dopo la cerimonia, alla quale hanno partecipato una rappresentanza di militari, in servizio e in congedo, presso la Caserma “Vittorio Veneto”, sede del Comando Legione Carabinieri Liguria, è stata celebrata una Santa Messa in suffragio.

Successivamente gli allievi della Scuola Media D’Oria-Pascoli, che hanno concluso un percorso di laboratorio giornalistico, hanno presentato il loro lavoro presso la sala polifunzionale del Comando Legione Carabinieri Liguria, attraverso la proiezione di un documento filmato da loro realizzato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Coinvolgere anche i ragazzi più giovani su temi tanto complessi come quello del terrorismo - hanno spiegato i Carabinieri -, mantenere e rinnovare il ricordo delle persone che sono cadute sotto il fuoco dei terroristi per difendere i fondamentali principi della Costituzione e del vivere civile, come i due Carabinieri che oggi sono stati commemorati, è compito primario di ciascuno di noi al quale non dobbiamo mai rinunciare, quale debito di riconoscenza nei confronti di tutte le vittime".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Restate a casa»: nel giorno più nero per i decessi, il San Martino pubblica il 'meme' con le bare e scoppia la polemica

  • Coronavirus e affitto: cosa succede per inquilino e proprietario

  • Coronavirus, 2 milioni di mascherine. Toti: «Saranno distribuite gratis tramite edicole, farmacie e volontari»

  • Coronavirus, lo studio del fisico: «A Genova morti 7-8 volte superiori ai dati ufficiali»

  • Invasione di formiche in casa: come combatterla con metodi naturali senza uscire di casa

  • Coronavirus: in Liguria 3.772 positivi e 595 morti. Scendono i ricoveri in terapia intensiva

Torna su
GenovaToday è in caricamento