Cimiteri: una volta al mese possono entrare anche gli animali

Giovedì 12 novembre, per la prima volta, i genovesi potranno visitare i cimiteri in compagnia dei loro cani o di altri piccoli animali d'affezione

Giovedì 12 novembre, per la prima volta, i genovesi potranno visitare i cimiteri in compagnia dei loro cani o di altri piccoli animali d'affezione. 

L'iniziativa, che si ripeterà durante tutto l'anno secondo un calendario prestabilito che verrà presto reso noto, coinvolgerà 31 dei 35 cimiteri genovesi (esclusi quelli aperti solo nei festivi: Murta, Nervi via Somma, Fontanegli e Nostra Signora del Monte). 

La recente modifica del regolamento comunale di polizia mortuaria, cremazione affido e dispersione delle ceneri consente di far partire una sperimentazione che permetterà l'accesso degli animali d'affezione per non più di 12 giornate all'anno - con esclusione di quelle festive e quelle di grande affluenza, nelle date e secondo le modalità stabilite dalla direzione cimiteri.

Le prime sei giornate di sperimentazione, nel corso di altrettanti mesi, consentiranno di valutare con attenzione le esperienze nei diversi cimiteri e di verificarne l'esito positivo.

L'accesso degli animali non sarà consentito all'interno dei luoghi di culto dei cimiteri; chi porterà con sé un animale dovrà fare in modo che la sua presenza non faccia mai venir meno il rispetto e la sicurezza degli altri visitatori, né incida negativamente su decoro, pulizia e tranquillità.

Queste sono le principali regole di comportamento che chi condurrà un animale dovrà rispettare: 

- i cani dovranno essere costantemente tenuti al guinzaglio (non allungabile) dai loro detentori, che dovranno portare con sé una museruola da far indossare al cane in via preventiva in caso di pericolo di incidenti o su richiesta del personale, e comunque da applicare ai cani a elevato potenziale di rischio. I cani di grossa taglia dovranno essere condotti da persone idonee a trattenere validamente l'animale;

- i detentori dei cani dovranno essere muniti di paletta o buste e rimuovere le deiezioni solide, pulire con acqua (disponibile presso le fontanelle interne ai cimiteri) quelle liquide e lo spazio sporcato dagli animali; 

- i detentori dei cani dovranno esercitare un costante controllo sul loro comportamento e impedire che siano sporcate o danneggiate le sepolture o depositate incontrollatamente le deiezioni; particolare rispetto dovrà essere assicurato ai campi di inumazione e alle altre strutture cimiteriali, nonché ai reparti di valore storico-artistico e valenza turistica; 

- gli altri piccoli animali di affezione potranno accedere ai cimiteri esclusivamente all'interno di appositi trasportini a mano, portati e costantemente custoditi dai loro detentori.

Potrebbe interessarti

  • La triste leggenda del costruttore della Lanterna

  • La curiosità: la moglie di Oscar Wilde è sepolta a Genova

  • La leggenda dei sabba delle streghe tra Mignanego e Savignone

  • Il fantasma "maleducato" delle Mura dello Zerbino

I più letti della settimana

  • Weekend lungo di Ferragosto a Genova e provincia: fuochi d'artificio, sagre, cultura e tanto altro

  • La curiosità: la moglie di Oscar Wilde è sepolta a Genova

  • Scossa di terremoto avvertita anche in Liguria

  • Bambino investito da una moto, grave al Gaslini

  • Pensionata scomparsa da Sampierdarena, ritrovata dopo 24 ore di ricerche

  • Litigio tra ubriachi sulla spiaggia di Voltri, paura tra i bagnanti

Torna su
GenovaToday è in caricamento